• Letteratura Capracottese

I giùne de Capracòtte


Gentiluomini capracottesi in piazza Mercato (foto: G. Paglione).

I giùne dell'Orte Ianìre

iastìmene a S. Cire

quanne abbìeno a menià

e 'a fegliola nen ze sta.


I giùne de S. Antònie

c' 'a fatìe sò ni demònie

ma quann'énna fa carézze

tinne troppa debelézze.


I giùne de la Fundióne

de fà amore nen zò bòne,

'u penzère ci u tinne pure

però tinne troppa paure.


I giùne de Uasìne

tinne sempe 'u male de rine,

i fegliòle sò custrétte

che lóre a 'nze ze métte.


I giùne de S. Giuènne

'a notte vanne abbaccagliènne,

'a matine p' 'i fà iavezà

sempe a mamme l' 'a chiamà.


I giùne de Funtecélle

sò tutte quante bèlle

ma devìntene brutte

quanne stann'a vócche asciutte.


I giùne de ru Còlle

n'aùsene tresèlle,

ùsene sule 'u centrìne

'mbacce 'i spalle d' 'i signurine.


I giùne de Còste Grille

spìnnene sòlde a mille a mille,

stanne sempe desperàte

perciò 'ndùvene 'nnammuràte.


I giùne de Cacatùre

sò tutte turcetùre,

pìnzene 'i vacche e 'u trattóre

e nen pìnzene de fà amore.


I giùne d' 'a Piazzètte

ze cunzìderene perfètte

ma se bòne 'i chiamendàte

sò tutte stòrtere e stengenàte.


I giùne de Capracòtte

ch' 'i fegliòle ce fanne 'a lòtte,

'nz'enne ancóre ambaràte

ch' 'i fegliòle vanne allesciàte.


Oie fegliòle de Capracòtte,

i cunsìglie da darve sarrìne òtte

ma une alméne v' 'u vòglie dà:

lassate stà l'òmmene de qua!


Peppino

I giovani di Capracotta

I giovani dell'Orto Ianiro bestemmiano san Ciro quando la cominciano a palpare e la ragazza non ci sta. I giovani di Sant'Antonio col lavoro son demoni ma quando devono far carezze mostrano troppa debolezza. I giovanni di Fonte Giù a far l'amore non son bravi, il pensiero ce lo fanno pure ma hanno troppa paura. I giovani del Casino hanno sempre il mal di reni, le ragazze son costrette con loro a non mettersi. I giovani di San Giovanni la notte si mettono a gridare, la mattina per farli alzare la mamma li deve sempre chiamare. I giovani delle Fonticelle son tutti belli ma diventano brutti quando restano a bocca asciutta. I giovani del Colle non usano elastici, usano solo il centrino sulle spalle delle signorine. I giovani di Coste Grilli spendon soldi a mille a mille, stan sempre disperati e perciò non trovano l'innamorata. I giovani di piazza Cacaturo son tutti agresti, pensano alle vacche e al trattore ma non a far l'amore. I giovani della Piazzetta si considerano perfetti ma se li guardate bene son tutti storti e sbilenchi. I giovani di Capracotta con le ragazze fan la lotta, non hanno ancora imparato che le donne van coccolate. Ohi ragazze di Capracotta, i consigli da darvi sarebbero otto ma uno almeno ve lo voglio dar: lasciate star gli uomini di qua!


(trad. di Francesco Mendozzi)

#capracotta #dialetto #francescomendozzi #traduzioni

© 2015-2020 Letteratura Capracottese di Francesco Mendozzi

Via San Sebastiano, 6 - 86082 Capracotta (IS)

*** Contattami ***