SEMBRA LA SVIZZERA... MA È CAPRACOTTA

di Davide Marino (1959)

Percorrendo le strade che da Agnone portano verso contrada Macchia nel comune di Capracotta, dove ricade il centro aziendale del terzo caso di successo, per un attimo si potrebbe pensare di essere in Svizzera. Il paesaggio è dominato dai boschi e dal pascolo di alta quota dove ancora (fino a settembre) si trovano le manze, specialmente di bruna alpina, all'alpeggio. Al primo impatto in azienda ci si accorge tuttavia che qualcosa differenzia l'Alto Molise dalla Svizzera. L'azienda visitata ha ricostituito la mandria di recente (dopo un'epidemia di brucellosi) e i funzionari della Comunità Montana l'hanno segnalata, tra gli altri motivi, per il nucleo zootecnico di buona genealogia e per la qualità del latte prodotto che viene trasformato poi nel caseificio familiare. Eppure alla richiesta di visitare la stalla ci viene risposto che non sarebbe conveniente. Il più giovane dei fratelli, che si occupa in particolare dell'allevamento, afferma:

– Siamo messi in condizioni troppo brutte. Dovremmo fare un fabbricato e non ce lo fanno fare.

[...] Tornando verso valle e riattraversando gli splendidi boschi inframmezzati dai pascoli dell'Alto Molise non si può non ripensare che davvero il paesaggio in alcuni tratti ricorda la Svizzera. Poi però si ripensa ai vincoli, amministrativi e culturali, che, quasi fossero un destino, pesano sulle aziende, sull'economia e sulla società locali, e si pensa che in fondo è normale, perché sembra la Svizzera... ma è Capracotta.

  • D. Marino, Molise, in G. Cannata, Aziende e famiglie nella collina e montagna appenninica. Studi di casi, Angeli, Milano 1995, pp. 260-272.

© 2015-2020 Letteratura Capracottese di Francesco Mendozzi

Via San Sebastiano, 6 - 86082 Capracotta (IS)

*** Contattami ***