L'ASSENZA DELL'ASSENZIO

di Andrea G. Pinketts (1961-2018)

– Hai trovato qualcosa, Giuditta?

– No. Mi sembra di leggere quei manuali tipo "Centouno svolgimenti di tema per non essere segato".

Giuditta e io stavamo facendo i compiti al calduccio delle nostre emozioni mentre il fuori era diventato regno di un grande freddo, proveniente dalla Siberia. Proprio come quello del Cinquantasei, accompagnato dal vento russo chiamato Durian (tempesta e gelo).

Il concerto dei Durian-Durian, essendo un evento, non si era limitato a coinvolgere Milano. A Venezia l'acqua era alta un metro e sette centimetri, cosa che non accadeva dal 1973. Sui passi dolomitici si barbellava a meno tredici. In Molise, violente bufere avevano costretto la Polstrada a consigliare l'uso di catene per raggiungere i comuni di Capracotta e Pescopennataro. E chi voleva raggiungerli?

Gli abitanti cercavano di andarsene da una vita.

  • A. G. Pinketts, L'assenza dell'assenzio, Mondadori, Milano 1999, p. 266.

© 2014-2020 Letteratura Capracottese di Francesco Mendozzi

Via San Sebastiano, 6 - 86082 Capracotta (IS)

*** Contattami ***