FRANCO CIAMPITTI

(Isernia, 1903 - 1988)

Giornalista e scrittore

Su, via, confessatelo, un po' stanca siete. Coraggio, ci ristoreremo arrivando. Capracotta è vicina ed io vi condurrò nella casa che m'ospita. È una grande casa all'antica, dove ogni tanto ritorno: ci sono nato quasi (forse in un vecchio solaio c'è ancora una culla di legno che mi accolse marmocchio). La casa ha una vasta cucina. Non ci sono fiammelle di gas o radiatori di termosifone. C'è un grande camino coi ciocchi di legno che ardono ed una catena nera di ferro che regge una pentola. Oh, umile poesia! oh, infinita potenza dei focolari domestici!

  • F. Ciampitti, Passeggiata a Pratogentile, in G. Titta Rosa e F. Ciampitti, Prima antologia degli scrittori sportivi, Carabba, Lanciano 1934, p. 96.

Franco Ciampitti, che vive a Isernia e alterna il suo lavoro d'avvocato con le cure di presidente dell'Ente provinciale per il Turismo, la scoprì una decina di anni or sono, in una delle sue passeggiate montane a piedi o a dorso di mulo. Per dieci anni coltivò la speranza di poter fare un giorno di Campitello un Terminillo, una Roccaraso del Molise. A chi gli parlava di Capracotta, già conosciuta dai turisti invernali all'inizio del secolo, opponeva Campitello per i vantaggi che offre una zona vergine. Una zona vergine, diceva, può essere sfruttata più razionalmente, vi si può attuare una vera programmazione edilizia.

  • F. de Santis, Viaggio nel Molise, in «Le Vie d'Italia», LXXI:3, Touring Club Italiano, Milano, marzo 1965, p. 318.

© 2014-2019 Letteratura Capracottese di Francesco Mendozzi

Via San Sebastiano, 6 - 86082 Capracotta (IS)

*** Contattami ***