LA GROTTA DEL DIAVOLO

di Giuseppe Delli Quadri (1903-1990)

Sul monte San Nicola, tra Agnone e Capracotta, a circa 1.500 metri di altitudine, si apre, in seno alla montagna, una grotta di origine quasi certamente sismica, famosa per le varie leggende suscitate nella fantasia popolare, sempre pronta a interpretazioni bizzarre della realtà. Secondo una di queste, nella grotta si nascondevano preziosi tesori custoditi dal diavolo, il quale non permetteva a chicchessia di accostarsi e di entrare. Per chi  osava  varcare i confini  proibiti della soglia, le punizioni erano terribili e spaventose.

Il coraggio e la virtù, tra due difetti: la codardia e la temerarietà.

Un giorno tre giovani, cosiddetti coraggiosi, incuranti del pericolo e avidi di ricchezza, decisero di tentare l'avventura in totale disprezzo delle note proibizioni. Come rito propiziatorio si recarono dal magaro per consultarlo e chiedere consigli. L'uomo, altrettanto avido, pensando alla grossa ricompensa in natura ricevuta e a ciò che avrebbe preteso poi, disse che erano necessarie tre cose per riuscire nell'impresa:

1) non avere mai paura e andare avanti sempre;
2) non portare addosso croci, immaginette religiose, medaglie di santi e madonne;
3) mai invocare il nome di Dio, qualunque cosa potesse accadere.

  • G. Delli Quadri, Ricerche, ricordi e fantasie di un ottuagenario molisano, Bastogi, Foggia 1985.

© 2015-2020 Letteratura Capracottese di Francesco Mendozzi

Via San Sebastiano, 6 - 86082 Capracotta (IS)

*** Contattami ***