LA STORIA DER MONNO

di Gustavo Quadrini

E scesero l'ebbrei co' la pagnotta
come fanno da noi li pecorari
quanno che fa neve a Capracotta,
co' le cioce, le pecore e somari,
e annaveno vennenno la ricotta.
Ereno scarcinati montanari
e quelli cittadini e gente dotta;
li giudii faceveno l'affari
perché quell'antri, invece che alla grana,
penzaveno a cercasse la fortuna
sopra le stelle e, co' maniera strana,
senza avecce la pratica opportuna,
staveno sveji la nottata sana
a contemplasse er cèlo co' la luna.
Diceveno: − Se monta facirmente
sopra 'sto cèlo, co l'architettura:
basta 'na scala forte e resistente;
annnacce a piedi è cosa più sicura.
Eppure era 'na razza intelligente!
Ma voleveno vince la natura
senza li razzi e senza er propellente,
sortanto a mezzo de 'n'imparcatura.
Fu decisa così la costruzzione
e ce messero a capo Minchiore;
e chi je dava torto e chi raggione,
perché alla gente piace de discore.
Er prete diede la benedizzione,
messe la prima pietra della tore.

  • G. Quadrini, La storia der monno, Santoro, Roma 1962.

© 2015-2020 Letteratura Capracottese di Francesco Mendozzi

Via San Sebastiano, 6 - 86082 Capracotta (IS)

*** Contattami ***