MICHELANGELO GIULIANO

(Capracotta, 26 agosto 1882 - Roma, 1963)

Presidente della sezione penale della Corte di cassazione di Roma

Nato in Capracotta da Vincenzo e Giuseppina di Tella il 26.8.1882 e laureatosi in legge, partecipò al concorso per la Magistratura nell'anno 1906. Nominato uditore nel luglio del 1907 fu destinato alla Corte di appello di Roma. Promosso giudice aggiunto nel 1908 fu trasferito al Tribunale di Napoli. Nel luglio del 1909 fu nominato segretario nel Ministero di Grazia e Giustizia, dove rimase fino alla promozione a Consigliere di Corte d'appello (1929) fatta eccezione per il periodo bellico (guerra 1915-18) in cui disimpegnò un incarico all'estero, quale addetto alla Missione Militare Italiana a Parigi. Nel 1930 prestò servizio presso la Corte d'appello di Roma; nel gennaio 1931 fu incaricato di studi legislativi; nel luglio 1932 fu nuovamente tramutato al Ministero. Negli anni immediatamente successivi fu Segretario generale della Commissione Nazionale Italiana per la Cooperazione Intellettuale. L'attività da lui spiegata in tale qualità, in occasione del Congresso Internazionale di diritto penale in Palermo (1933) fu vivamente elogiata dal Primo Presidente della Corte di cassazione. Nel dicembte 1934 fu nominato, per concorso sostituto procuratore generale di Corte di cassazione. Istituito il Governatorato della Dalmazia fu, nel giugno del 1941, posto a disposizione di quel Governatorato per l'organizzazione dei servizi giudiziari. Nell'aprile del 1945 fu nominato Presidente della Corte di appello di Perugia. Collocato quindi fuori del ruolo organico della magistratura, fu destinato ad esercitare le funzioni di Presidente di sezione della Corte di cassazione. Nel giugno 1945 fu chiamato a presiedere la sezione speciale della Corte di cassazione di Milano per i processi di Corte d'assise straordinaria. Nel luglio del 1948 fu nominato rappresentante dell'Italia nella Commissione di Conciliazione Italo-Brittanica. Fu Presidente titolare della prima sezione penale della Corte di cassazione. Presiedette altresì le sezioni unite penale della Corte stessa (anno 1951). Morì in Roma l'anno 1963, e ivi sepolto nella tomba di famiglia. Si conservano presso la sua casa due lettere inviate alla famiglia, dopo la sua fine, una da parte del Ministro della Real Casa, per conto dell'ex Re, e l'altra da parte del Prof. Ungaro, presidente dell'Ordine degli avvocato di Roma, che sono una vera e chiara testimonianza dell'alta stima che avevano di questo illustre Magistrato e studioso.

  • A. Mosca, Monografia su Caprasalva (Capracotta), Lampo, Campobasso 1966, pp. 24-26.

Intitolazioni a Michelangelo Giuliano:

  • Via Michelangelo Giuliano, Roma.

© 2014-2020 Letteratura Capracottese di Francesco Mendozzi

Via San Sebastiano, 6 - 86082 Capracotta (IS)

*** Contattami ***