candelaresi.jpg

TI PRESENTO FRANCESCA

di Loretta Candelaresi

Altra novità della scuola media, erano i viaggi. Ogni anno secondlo il progetto scolastico avrebbero fatto una gita di una settimana. La prima riunione prevista per parlarne è all’inizio di aprile 2006.

Ero presa da tanti pensieri, ma vedere l'entusiasmo di Francesca che fremeva per sapere tutti i dettagli del viaggio, in qualche modo mi dava energia.

Pensavo – almeno loro devono avere tutte le occasioni per essere felici e stare in compagnia.

E così da quel momento ogni volta che c'era uno stimolo verso l'esterno, un progetto che li coinvolgeva, ho deciso di appoggiarlo e di trarre io stessa gioia di riflesso.

In qualche modo questo ha avvantaggiato soprattutto Francesca.

Ogni volta che diceva "voglio andare..." lei sapeva che io, pur di vedere quel sorriso sulla sua faccia, non avrei mai negato la mia autorizzazione.

Lo so, è un paradosso, come proprio la figlia femmina e non ha ancora 13 anni.

Io mi fidavo della sua gioia e della sua gratitudine.

In prima media il viaggio era previsto per una distanza a medio raggio – zona inusuale del Molise – ma a detta dei partecipanti il viaggio ha avuto molti spunti di interesse.

Il paesino dove hanno soggiornato è Capracotta, sì proprio quello dove si producono le campane: della chiesa.

Ricordo ancora i preparativi, dentro quella valigia avrebbe messo tutto il mondo e secondo me, non riusciva a credere veramente che sarebbe partita per davvero.

Quando Francesca è tornata era ultrafelice.

Senza voce, credo avesse cantato tutti i giorni e tutte le notti.

  • L. Candelaresi, Ti presento Francesca, Tektime, Montefranco 2020.