L'UOMO CHE ASCOLTAVA LE 500

di Francesco Paolo Tanzj (1950)

Di gente stramba ce n'è tanta a questo mondo... E di storie incredibili anche. Come quella che successe a Stefano in viaggio da Roma a Capracotta, dove era stato invitato dall'associazione "Vivere con cura" per cantare le poesie e le filastrocche ecopacifiste di Gianni Rodari. Con lui c'era anche Mariagrazia, che doveva invece tenere un seminario sulla cucina vegetariana vegan. Cioè non solo niente carne ma neanche derivati da animali, tipo latte, formaggi etc..., un tipo di dieta radicale legata a una filosofia di vita che lei chiamava ecozoica. Già questo fa capire che si trattava di una situazione per niente normale. Insomma, partono da Roma con la loro vecchia amata 500 carica di bagagli e attrezzature e invece dell'autostrada - troppo grande e pericolosa - prendono la Casilina in direzione di Cassino, prevedendo almeno sei-sette ore di viaggio. È una bella giornata, e tutto fila liscio fino a quando non cominciano a sentire un rumore sospetto insinuarsi nel battito regolare dei due piccoli pistoni che da oltre quarant'anni non avevano mai dato problemi. Stefano non è il tipo da allarmarsi più di tanto e si limita a rallentare per capire meglio di che si tratta. Mariagrazia si fida ciecamente di lui e pensa ad altro, osservando placidamente il lento panorama che le si presenta intorno, le rustiche colline della Ciociaria, verdi e solitarie, ben lontane dallo stressante caos della vita cittadina dal quale finalmente stanno scappando. È un'occasione da non perdere, questa, visto che sono stati invitati da Antonio a tenere dei corsi alternativi in questo paesino di montagna, dal nome del tutto particolare, reso famoso un tempo da un vecchio film di Alberto Sordi e da alcuni passi di "Addio alle armi" di Ernest Hemingway. Lì sarebbero stati ospiti in una casa insieme ad altri amici e avrebbero ricevuto anche un piccolo compenso, proporzionato al numero degli iscritti.

– Comunque, in ogni caso, ci faremo una bella vacanza! – aveva detto soddisfatto e incuriosito Stefano.

  • F.P. Tanzj, L'uomo che ascoltava le 500. Tredici racconti e un'invettiva, Tracce, Pescara 2014, pp. 7-8.

© 2014-2020 Letteratura Capracottese di Francesco Mendozzi

Via San Sebastiano, 6 - 86082 Capracotta (IS)

*** Contattami ***