top of page

Amore e gelosia (XXXIII)



XXXIII

– Cucchié, firme sta carrozza, famme scennere, aggia parla' nu poche cu don Alessandro!

Così disse don Salvatore rivolgendosi al vetturino con piglio tra l'autoritario e l'amichevole.

– Subite, don Salvató, ai vostri ordini, vuie site 'o padrone! – fece l'uomo a cassetta, e con un grido tipico dei cavallari, «Iiihhh!!!», rivolto all'animale, tirò forte le redini e la carrozza si fermò, consentendo a don Salvatore di scendere mettendo i piedi attentamente sul predellino di metallo che conduceva giù dalla vettura.

Don Alessandro aveva finalmente riconosciuto don Salvatore Di Giacomo. All'inizio era rimasto perplesso e impaurito sentendosi apostrofare: ogni volta che veniva a Napoli, si inoltrava per le strade sempre con un pò di timore, era pur sempre una città pericolosa, piena di mariuncielli e di uappetielli.

Ma confidava nell'abito talare, era un prete, anzi un diacono, quasi un monsignore, e il popolino aveva conservato un rispetto per gli uomini in nero della chiesa, infatti non era mai stato infastidito da chicchessia.

"E così il grande Salvatore Di Giacomo mi vuole parlare! chisà che me vò dicere? certamente coccosa che riguarda Elisa... È da parecchio che non lo vediamo a Nucera Inferiore, chiste 'e duie nnammurrate s'hanne sferrate, è succiese n'appiccica... e pe fforze! 'o tiempe passe e stu napulitane nun parle 'e se spusa', se ne sta a casa soia cu mammà e 'a povera peccerella a Nucera aspette 'e commode suoie! se se...", così elugubrava don Alessandro mentre l'altro uomo gli si avvicinava.

– Don Salvatore! che piacere rivedervi! È da tanto tempo che non vi vediamo più a Nocera! propete ieri sera questo dicevo con donna Elisa... no, no, non Elisa la vostra fidanzata, con la nonna, donna Elisa Guarna! Era venuta in chiesa per pregare, poi, sapete come è, si parla, si discute, le figlie, 'e nipute, na parola tira n'ate... e notavamo che non si vedeva più, che Elisa, la nipote stavolta, stava scura scura... ma... è succiese coccosa? Ve site questionati? site tanta na bella coppia! ve vulite tantu bene!

Il poeta aveva ascoltato tutta la tiritera con pazienza e in silenzio, ma quando sentì dire che la sua Elisa era «scura scura», decise di interrompere il prete.

– Don Alessandro, e io propete 'e cheste ve vuleve parla'! No, nun è succiese niente... anzi no! È succiese che ce simme nu poche questionate e mò stamme fridde, ie nun vengo a Nocera e Elisa nun viene a Napoli e songhe più di quindici giorni che non ci vediamo!

Prese un po' di tempo il poeta prima di fare la richiesta che teneva in mente.

– Don Alessandro, se tratte 'e fa nu primme passo, ma ie songhe omme, l'orgoglio... sapete come è! – prese fiato di nuovo e proseguì – E pure Elisa... chella la ragazza io la conosco, tene na capa tosta! Come si può fare don Alessandro, ditemi voi!

"Vuo' vede' che chiste mò m'addummanne 'e me mettere miezze, ma fa che me vò fa mettere 'e cazettine russe! Ie nun facce 'o ruffiane 'e nisciune!".

– Don Salvatore, ma che prubleme è? Ma venite a Nucera, pigliamme 'o treno insieme mo mo, iamme a casa di Elisa e ve parlate! Tutto si risolve, basta essere umili e capire gli altri!

– Don Alessandro, non lo posso fare! Io non mi sottometto a nessuno, neanche ad Elisa che è la vita mia! Vi volevo chiedere un piacere, ma se non ve la sentite, scusatemi tanto, non vi volevo offendere né tantomeno volevo che voi faceste 'o ruffiane mio! Si trattava solo di portare un biglietto, e... magari attendere una risposta… niente di più! Ma capisco, avrei abusato della vostra cortesia... scusatemi di nuovo e buona giornata...

Il poeta si rimise il cappello in testa che per cortesia e gentilezza, come si usava a quei tempi aveva tolto e aveva tenuto in mano e fece per andarsene, lasciando lì il povero prete che non si aspettava una simile reazione...


Francesco Caso



Commentaires


bottom of page