top of page

L'avvocato Ninetta (XXX)



Scena V

Ninetta, Bettina e detti.


Ninetta – (da dentro) È permesso?

Cesarino – 'A voce 'e muglierema! Nun voglio fa vedé che sò venuto ccà.

Francesco – Essa pure ccà... e 'a casa mia è addiventata n'agenzia 'e matrimonio.

Cesarino – Presidè, fatemi entrare a qualche parte pecché nun me ce voglio ncuntrà.

Francesco – Entrate dint' 'o salotto, llà ce sta un'altra uscita e ve ne potete andare. Poi ripassate più tardi e ve faccio sapé quello che è succiesso.

Cesarino – Grazie Commendató, vi raccomando caldamente la mia causa. (via nel salotto)

Francesco – E che vorrà chest'ata da me? Vuó vedé che è overo 'o fatto 'e Giacinto? Favorite D.ª Ninè.

Ninetta – Fuori non v'è nessuno ed abbiamo trovato la porta aperta, ma però l'abbiamo chiusa.

Francesco – Chillo ciuccio 'e Totonno p' 'a pressa d'ascì l'ha rimasta aperta a rischio 'e farme arrubbà. Basta, questa è stata na visita inaspettata. Ah! bravo, ce sta pure mammà. Accomodatevi. (seggono)

Ninetta – Signor Presidente, dinanzi a voi non vedete la vostra amica, non vedete l'avvocato, vostro discepolo, non vedete più Ninetta Rocco.

Francesco – Nzomma, nun veco a nisciuno.

Ninetta – No, vedete invece la moglie offesa, tradita, che viene da voi a reclamare giustizia. E per togliere ogni sospetto ha condotta pure mammà. Mammà, cacciatela.

Bettina – Mo 'a caccio.

Francesco – Và trova ch'à da caccià.

Bettina – Eccola quì (tira fuori della borsa una carta).

Ninetta – Sig. Presidente, questa è una domanda per separarmi di corpo e di bene da mio marito, Cesare Spaghetti. Per ora questa, poi quando verrà la legge del divorzio, allora faremo un divorzio completo, perché non lo voglio vedere né sentire più.

Francesco – Ma nun me facite ridere cu sti ghiacuvelle... domanda di separazione, divorzio. Ma pecché tutto questo?

Ninetta – Perché egli m'ha tradito villanamente.

Bettina – A fà nu tradimento a stu piezz' 'e figliola bella e alletterata. Addó se l'aspettava d'avé sta sorte nzuonno. Nu sfelenza che nun teneva che magnà, s'è venuto appuià ncopp' 'e spalle 'e chella e mò le fa chesto appriesso.

Ninetta – Mammà statte zitto, nun sta bene a dire queste cose. Alla fine sempe marito mi è, per ora.

Francesco – Per ora e per sempre.

Ninetta – Per sempre l'avite 'a luvà 'a miezo, pecché ve l'ho detto, nun 'o voglio vedé cchiù.

Bettina – Isso ha da crepà, ha da schiattà, ma dint' 'a casa nostra nun nc'ha da mettere cchiù 'o pede. E sì, avevamo fatto 'o spitale p' 'e cannarute...

Francesco – Oh! sapete che c'è di nuovo? che incomincio a capire che queste sono scuse belle e buone per disfarvi di vostro marito perché vi è di peso.

Ninetta – Presidente, misurate le parole perché mi offendete.

Bettina – Ch'à ditto? nun l'aggio capito.

Francesco – (E pe capì chella, ce vò nu secolo e miezo.) Questa voi la ritirate perché nun sta bene fà sentì in Tribunale il vostro nome, tanto più che mò si sta trattando la vostra causa.

Ninetta – Signor Presidente, io non ritiro affatto e sostengo ciò che ho scritto.

Bettina – Mia figlia quanno ha posta 'a penna ncopp' 'a carta nun ritira niente cchiù.

Francesco – Allora vulite che io metto nterra tutte cose, ma io nun voglio mettere nterra...

Ninetta – No, no, vi prego di mettere nterra. A me non c'è che dire.

Bettina – Sulla gonnella di mia figlia nun ce stanno fose appennere.

Francesco – No, ce starebbero 'e fose ma io nun pozzo parlà.

Ninetta – No, mo avite parlà, pecché cu sti parole mazzecate voi peggio mi offendete.

Bettina – Sentimmo, che l'avite dicere a figliema?

Francesco – Ma io nun me faccio meraviglia d'essa, ma di voi che siete vecchia e le tenite mano.

Bettina – Neh, Presidè, abbarate comme parlate!... Vuje v'avite lavà 'a vocca primma d'annummenà Bettina Saccone.

Ninetta – Mammà statte zitta tu. Questo è un affare che riguarda me sola. E adesso voglio che il Commendatore mi dica il tutto.

Francesco – Embè, quanno 'o vulite, vi dico che voi volete abbandonà vostro marito con un pretesto per fuggire con un amante.

Ninetta – Ma chi vi ha potuto dire questa bugia?

Bettina – Presidè, vuje state mbriaco, avite vippeto p' 'a matina.

Francesco – Io sto mbriaco? Siete voi invece na vecchia senza rossore, che vi rendete complice degli amorazzi di vostra figlia.

Ninetta – Presidè, alle corte, chi è stato l'autore di questa spiritosa invenzione?

Francesco – Ah! m' 'a chiamate spiritosa? E l'autore non l'immaginate? Il vostro amante stesso.

Ninetta – Ma chi è questi che voi dite?

Francesco – Il vostro nuovo cliente, il Barone Chiappo.

Ninetta – Uh! chillo scemo... ah, ah, quanto mi fate ridere.

Francesco – Ah! voi ridete? Intanto quel povero uomo è ghiuto a mpazzì, e per causa vosta ha avuto nu paliatone d' 'a mugliera, e ha durmito stanotte mmiezo 'e grade. Mò sta dinto ripusanno nu poco pecché mi è venuto a cercà ajuto.

Ninetta – Ma comme avite supposto che me ne vuleva fuì cu 'o Barone?

Bettina – Figliema si se ne vuleva fuì cu quaccheduno ne sceglieva uno buono, nun se ne jeva cu isso.

Francesco – Vì che bella difesa le sta facenno chesta.

Ninetta – Mammà statte zitto, nu saje chello che dice.

Francesco – Ma comme spiegate 'o fatto? chillo dice che voi l'avite fatto na dichiarazione amorosa.

Ninetta – Io facevo na dichiarazione a isso? E chist'è pazzo.

Bettina – E sì, 'o mobile è troppo bello.

Francesco – Ma insomma, a me nun me persuadite. Fintanto che non veco chiaro dint' 'a sta facenna nun ve credo.


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Σχόλια


bottom of page