• Letteratura Capracottese

Matteo e Francesca, i duri e puri


Matteo Casnici e Francesca Giaccari.

Mi sa che qualcuno ha frainteso, fraintende. Se mi occupo con una certa assiduità (post in arrivo, bamboli) di Andrea Cocco e Margherita Zanatta è per un motivo scontato, per uno negativo e per uno positivo.

Il motivo scontato è che - piacciano o meno - sono al centro dell'attenzione di forum, blog, riviste-strofinaccio ecc. Ora, mi sembra cosa buona et giusta occuparmi di ciò che, magari, altri sottovalutano, ma far finta di non vedere e non sapere il bailamme che suscitano questi due, francamente...

Il motivo negativo è che - lo neghino ad oltranza i fun, lo urlino pregiudizialmente i detrattori - c'è nell'aria un che di ambiguo, il famoso "qualcosa che non torna", che mi intrighicchia. Naturalmente, libero ognuno di misurare, catalogare e definire la natura di tale ambiguità. Io ho la mia idea.

Il motivo... ehm... positivo è che, per me, sono, comunque, la coppia più interessante  dello scopatoio umano (?) che è stato 'sto GF. Più interessante vuol dire, appunto, meno scontata e banale.

Quindi, per rimediare ad un fraintendimento (non credo che siano i peggiori, ma, anzi, li ritengo un caso umano a sé), mi occuperò delle altre coppiette, a modo mio, ovvio.

Per colpa mia, non è, forse, ben chiaro che mi trasformo in Mabbin Hood quando noto un accanimento basato sul doppiopesismo, pratica purtroppo non ancora dichiarata illegale, che mi fa letteralmente impazzire. E ciò vale individualmente, in coppia, ecc...

Incomincio proprio dalla coppia che ha usurpato la immeritatissima fama di essere non solo la più vvvera (quanto mi fanno odiare questo bell'aggettivo!), ma anche la più dura e pura, ovvero, la meno mondana, la meno ansiosa di apparire, una versione popolare di Jean-Paul e Simone. Et voilà. Matteo e Francesca.

Partiamo da lui.

Segni particolari: amico di vecchia data di Cocco, di cui condivide i vvvalori.

Stando ai racconti del Nipponico, oltre ai valori, hanno condiviso sbronze, visite a locali di scambisti, partner sessuali, ecc. ecc. (naturalmente, si parla solo, e con virtuoso sgomento, dei racconti hot di Margherita e/o di Guendalina. Nella vulgata internettiana, Cocco moltiplicava pane e pesci in cucina e predicava le Beatitudini in Sala relax... Vabbé).

Stando ai racconti di tale Roger Garth, sedicente ex fidanzato di Cecchi Paone, un modello brasiliano di nome Thiago (Gulp! L'Isolano?) sarebbe stato il testimone oculare in quel di Tokyo che i due avrebbero condiviso molto altro. Un video ha imperversato sul web, accompagnato da didascalia. Magari, anzi, certamente era una minchiata, ma, appena il ruolo di Cocco si è meglio delineato, del video e di Roger Garth non si è più parlato. Fino a quando erano nella Casa, a differenza di altri, non sono stati disturbati da domande imbarazzanti.

Non si sa di studi alla Sorbona, di provini con Al Pacino, o dell'aristocratica partecipazione a qualche film indipendente targato U.S.A. Ha praticato per anni (non è manco lui di primo pelo) l'impegnativa professione del modello, sconosciuto ai più, naturalmente, con lo straordinario picco di notorietà legato allo spot pubblicitario a colpi di tango  di una... ehm... esclusiva marca di liquore. Ah, dimenticavo, ha girato un film porno. Gay, of course. Anche gli intellettuali devono mangiare. Scaricare cassette di frutta al mercato no, eh?

Appena in Casa, ha sprezzantemente escluso di poter condividere il suo augusto talamo con una collega: fuori target rispetto alle laureate che era abituato a frequentare con Cocco. Cinque minuti dopo, si è buttato su Guenda, infine, si è fatto letteralmente ingroppare dalla famelica Francesca, altra mente superiore, che non avrebbe tollerato l'ennesimo due di picche al GF (è andata a caccia come una lupa famelica).

Mentre si dava anche lui all'edilizia, predicava i vvvalori al resto della Casa. Astuto, non si è fatto buttar fuori in un amen come la elefantiaca fidanzata: ha imprecato ed è stato buttato fuori. Solo due o tre tonni asociali e tre sardine psicopatiche hanno creduto realmente chenonsapesse che mannaggia non significasse sempre sia lodata. Fuori, con la mogliettona artista (si ostina a latrare per ogni dove: sotto la doccia non basta?), si è tenuto lontano dai "salotti" trash... nel senso che, in quanto bestemmiatore ufficiale e fedifrago cacciato dall'Eden, proprio non ce lo volevano. Non per niente ha vinto san Cocco di Kamasutra. Infatti, appena può, si intruppa (vedi la festa di Visto... con un certo distacco, ovvio). E, sempre in coppia con Bobba Dylan, non manca una delle allegre adunate Gieffiane stile sagra del carciofo di Capracotta.

Dimenticavo. Sempre in coppia con la sorella più pelosa di Nandorango, non ha potuto fare a meno di distruggere il carissimo amico e gentile consorte. Fosse stato per lui, Andrea non avrebbe vinto manco il bingo sotto casa. Aveva tradito i vvvalori. Lui.

E passiamo a Francesca. Segni particolari: convinta di essere la più tutto del reame. Soprattutto un'artista. Ma con distacco. Sempre con distacco, non si è fatta mancare l'ultimo dei concorsi di bellezza (?), il provino più sfigato, si è fatta cacciare da tutti i talent show dell'orbe terracqueo... con distacco. Pettegola con cattiveria e senza i lampi di ironia delle Due, mugugnona (alle spalle), ma finge di meditare seriamente di essere sul punto di tagliarsi un orecchio e spedirlo a Gauguin (crede che sia ancora vivo e che passeggi in bermuda in quel di Los Angeles). Raglia con disperazione, ma di Patti Smith ha solo la forfora. Intanto che si trova lì (con distacco) ci prova con tutti i papabili (compreso il musicista incinto... fra artisti!), poi, disperata e furiosa si appolipa a Matteo e non lo molla più. Dopo quindici giorni di amore folle, l'ex attore porno-gay, stravolto, la ascolta dal tugurio scoprendo che "è l'uomo della mia vita". Oppresso dalla felicità, evita amplessi e scambi culturali per tre giorni. Poi, si arrende.

Intanto, la musicista incompresa si intrippa e raggiunge dimensioni alla Dumbo. Le gambone sono due prosciutti, ma lei, misteriosamente, si gode la fama di "bella". Cafona q.b., arrogante, viene elogiata per lo "stile". Immagino le frequentazioni nella "vita reale" di cotanti estimatori. Vezzosamente, spara cazzate in dialetto salentino per far vedere quanto è verace. Finalmente buttata fuori, tra le lacrime dell'attore porno (che si precipita fra le braccia di Cocco), non esita a spalare menta sull'amico dell'amico e, soprattutto, sull'amica dell'amico dell'amica.

L'ex gieffina ha fatto una dichiarazione (anzi, più di una) che rivelano il grande bluff di cui si è resa protagonista... La bella pugliese, che nella Casa si è fidanzata con il modello Matteo Casnici, ha dichiarato che la sua partecipazione al reality show è stata motivata soltanto dalla sua voglia di far conoscere la propria musica, e le canzoni che compone da anni. Francesca ha detto di non essere tagliata per i reality, perchè ha un carattere posato... Io non litigo e faccio musica, non faccio spettacolo. Mi piacciono le cose genuine vere, e là dentro non c'è una mazza di vero!!! (Intervista a Radio 105)

E sappiamo con quanto furore artistico le abbia cercate... le mazze.

La "Bella" Francesca Canta... Per distinguersi, frequenta deliziosi personaggini come la fidanzata del Pitone (quella che parlerà di un "ritardo" per una giornalata ed un'ospitata). Ospite di M.me D'Urso, non batte ciglio visionando video e foto della carriera artistica a chiappe al vento dell'uomo pieno di vvvalori, affermando che il passato è passato e poi lei ha una mentalità molto aperta. Si sa, è un'artista. Felicemente ricongiunta alle chiappe più espressive del cinema internazionale, continua a seminare veleno e a non mancare uno dei festini che ostenta di disprezzare. Intanto, compone. Questo è il pregiato ritornello del suo ultimo insuccesso.


Ti sfido, ti vivo, io ti respiro io, io vivo, io grido, non puoi fermarmi mai ti vorrei, con me eh! Ti sfido, ti vivo, io ti respiro io, io vivo, io grido, non puoi fermarmi mai ti vorrei, con me eh!


Se può mori'...


Mab

Fonte: http://tuttoquantofaspettacolo-mab.blogspot.com/, 15 giugno 2011.


© 2015-2020 Letteratura Capracottese di Francesco Mendozzi

Via San Sebastiano, 6 - 86082 Capracotta (IS)

*** Contattami ***