top of page

Addio a Pettinicchio: si è spento il padre del caseificio pontino



Un uomo che si è fatto da solo, un esempio di come partendo dal basso, ma armati di caparbietà, amore per il proprio lavoro e una famiglia unita, si possa arrivare a costruire un impero.

Domenico Pettinicchio è stato tutto questo, una delle icone pontine del self-made man, uomo che ha dedicato la sua vita alla produzione casearia e che iniziando da una piccola bottega è arrivato a far risuonare il nome della sua famiglia in tutta Italia. Ed è per questi motivi che la sua scomparsa lascia un grande vuoto in tutta la città e in tutta la provincia di Latina, oltre che nella sua amata famiglia e tra tutti i suoi cari.

Domenico Pettinicchio si è spento lo scorso 24 dicembre, all'età di 93 anni. La sua storia è una di quelle che devono essere tramandate e rimanere impresse nella mente, perché sono parte integrante di un territorio che deve la sua crescita a figure di questo calibro, a persone che ci hanno creduto, investito e messo la firma.

Nato a Capracotta, in Molise, Domenico Pettinicchio è arrivato a Latina nel dopoguerra ed è proprio nel capoluogo pontino che aprì la sua prima bottega insieme al padre Pasquale, di cui ha conservato il nome per il brand anche quando quella piccola bottega era ormai diventata un grande centro di produzione che riforniva le famiglie di tutta Italia.

Infatti, l'attività di famiglia si è nel tempo trasformata nell'imponente stabilimento di Tor Tre Ponti, centro di produzione di una gamma di prodotti tra i più apprezzati del settore caseario in tutta la Nazione. Tanto amore per la tradizione e per il proprio lavoro, si diceva, ma anche uno spirito imprenditoriale raro e una spiccata capacità di riuscire ad emergere in un mercato importante, quale quello agroalimentare, grazie soprattutto alla sua attenzione per la qualità, che veniva prima di tutto, anche degli affari e dei guadagni, motivo per cui i suoi prodotti hanno fatto breccia in tantissime famiglie.

Il grande intuito imprenditoriale si è riflesso anche nell'avvio dell'attività agricola e di allevamento, con nuove aziende sempre nel territorio pontino. Un uomo che sapeva sempre cogliere il momento giusto per offrire il meglio che poteva.

Domenico Pettinicchio lascia la moglie Franca, i tre figli Pasquale, Stefania e Luca e i nipoti. I funerali saranno celebrati questa mattina, alle 10:30 presso la chiesa dell'Immacolata.

 

Fonte: Addio a Pettinicchio. Si è spento il padre del caseificio pontino, in «Latina Oggi», XXXVI:355, Latina, 27 dicembre 2023.

Comments


bottom of page