top of page

Amore e gelosia (XXVI)



XXVI

– Figlia mia, ma 'o ssaie che songhe già quatte anne che stai appriesse a chist'omme? Te vo bbene, te vo bene, ma 'e te spusà ccà nun se ne parla propete!

In una bella mattinata di primavera, sedute al tavolo della cucina, madre e figlia facevano colazione con latte e biscotti, mentre il caffè cominciava a salire nella macchinetta napoletana sul focolare.

– Mammà, ti prego, non cominciamo un'altra volta! E tu fai une rallaralla! dici sempe chelle! 'O sacce pure io che sono passati quattro anni, ma Salvatore non è un uomo come gli altri: è un artista famoso, tiene sempre impegni, la musica, il giornalismo, la biblioteca che deve rimettere a posto, e ora poi il teatro...

La ragazza assunse un'aria sognante sotto gli occhi della madre che sembrava compatirla, poi riprese:

– Ma lo sai che ha scritto un dramma, anzi no, una tragedia bellissima, "Assunta Spina", e già tutta Napoli ne parla? Mi ha fatto leggere qualcosa, mi ha detto che il personaggio gli è stato ispirato anche da me, dalla mia forza, dalla mia decisione e dal mio amore!

– Figlia mia – un sospiro attraversò la voce un po' roca della mamma mentre pensava "Ce vo pazienza cu sta uagliottola, chesta fa 'a romantica e chille se la porta a spasso in campana! 'O figlie 'e mappine! se vo tenere 'a bella femmena vicino, ma non se la sposa!".

– Figlia mia – riprese, – stamme a sentire; io sono contenta di questo tuo fidanzamento, ma a Nucera, 'ndò paese, sai come dicono? dicono che don Salvatore Di Giacomo alla paesanotta nun se la piglia! Magari se la spassa, ma non se la piglia! Le mie amiche non hanno il coraggio di dirmelo in faccia, ma io li vedo i risolini, le gomitate che si danno... e quanne po' me raccontano delle loro figlie che si sposano, che hanno trovato il partito buono, doppe fanne: "Ah, ma a proposito, e Elisa? quanne se spose? eeeh, ma chille don Salvatore è un artista, al matrimonio non ci pensa!".

Un groppo alla gola si era formato alla vecchia signora, che dovette deglutire prima di continuare con voce che si era fatta lacrimevole.

– Elisa, figlia mia, tu mi devi dare questa gioia, io ti devo vedere in abito bianco primme 'e chiudere l'uocchie! Falle pure pe tuo padre: non se lo merita tutto questo!

– Mammà, ma che pozze fa? io glielo dico continuamente, lui una volta mi dice sì, una volta fa finta di non sentire! Chille 'o prublema è tutto quella strega della madre! nun me pò vede', ma nun pò vede' nisciuna femmena, se vo tenere 'o figlio attaccate alla gonnella!

– E allora figlia mia stamme a sentì: tu lo devi mettere a scegliere, a decidere tra te e la madre, altrimenti te lo puoi scordare, meglio che lo lasci!

– C'aggia fa', mammà... io gli voglio bene, e anche lui me ne vuole...

– Lo devi lasciare! No, aspetta ie fa abberé che lo vuoi lasciare, che tieni un altro che ti vuole... insomma lo devi far soffrire, asinò chiste non si decide mai! Stamme a sentire...


Francesco Caso



Comments


bottom of page