top of page

Amore e gelosia (LIV)



LIV

Il giorno dopo, di buon'ora, vale a dire verso le nove del mattino, don Salvatore si alzò dal letto, si vestì di tutto punto e lasciò l'alberghetto diretto a casa.

Era felice oltremodo, le cose si stavano mettendo bene, finalmente! La mammà, piano piano si andava acquietando e avrebbe accettato l'idea del suo matrimonio, Elisa gli aveva ampiamente dimostrato il suo amore, il lavoro procedeva bene, il successo era sempre lì che lo inseguiva e tra l'altro durante la notte gli erano venuti in testa dei versi bellissimi che voleva scrivere e che si prestavano per una meravigliosa canzone napoletana. Doveva solo pensare a quale musicista affidarli per farne un successo.

Sì, tutto procedeva bene...

Si fermò per strada, entrò in una pasticceria e prese due sfogliatelle ricce, "cumme piacene a mammà" pensò con una punta di orgoglio. "Nun ce sta niente 'a fa'... 'O figlie maschio napulitane per la madre se facesse accidere... E pure 'a mamma desse 'a vita po figlie suoie!".

Confortato da questa santa verità, accelerò il passo e in poco tempo giunse a casa. Aprì la porta con la sua chiave ed entrò. In cucina, una scena idilliaca che gli aprì letteralmente il cuore: sedute al tavolo della cucina, le due donne della sua vita stavano bevendo una bella, fumante tazza di caffè napoletano (chella che sule mammà sape fa overamente), e al centro della tavola c'era il piatto degli immancabili biscuttine che cucinava la sua vecchia e che ti dovevi mangiare per forza.

– Eccovi qua, buongiorno! E cumme state belle insieme! Ma io vi ho portato una cosa ancora più bella! Indovina, mammà, che cosa c'è nel pacchettino? No, è troppo facile, vi ho portato le sfogliatelle ricce! Elisa, per piacere, mi metti na tazza di caffè? Mò facciamo colazione e poi ce ne usciamo a fare le tue compere, poi torniamo e pranziamo tutti e tre a casa, eh? che ne pensi, amore mio?

Con un dolce sorriso la sua bellissima fidanzata si alzò e prima di versare il caffè dalla macchinetta napoletana, gli girò intorno e da dietro si chinò e gli diede un bacio sulla guancia destra.

– Salvatore, vita mia bella, tutto quello che vuoi, ma... – Mentre indugiava col pretesto di essere impegnata a non versare caffè a terra o sulla cucina, Elisa stava scegliendo le parole più adatte in quel momento: – Come ti dicevo... prendi il caffè, caro, è ancora caldo... Dunque come ti dicevo, va tutto bene, ma... insomma, ecco...iIo vorrei andare alla stazione e prendere il primo treno per Nocera. Sono in pensiero amore mio, e pure tua madre mi ha consigliato di tornare a casa... e poi.... Ma nun te preoccupa' eh?... Mammà, no, non la mia, la tua... Mi ha confidato che nun se sente troppo bene e non la possiamo mettere a cucinare per noi, ti pare? È vero mammà? Che non vi sentite bene?

– Nooo, sto bene, sto bene ora... Ma sule che è meglio che tu tuorne a casa tua... – fece la vecchia signora, poi chiarì, – Pe me non ci sono problemi, se volete restare preparo uno spaghetto con la salsa fresca e na fettina di carne... Ma io ti vedo mia cara e mi accorgo che staie pensanne ai tuoi genitori... Meglio che te ne vai a Nucera, stamme a sentì!

– Cumme vulite vuie, mammà! Ma tanto io poi torno e la prossima volta mi trattengo a lungo, molto a lungo! Chesta vota ve stonghe a senti', facce cumme vuie dicite!

Il povero Salvatore ascoltava il battibecco e poco capiva: girava la testa una volta di qua e una volta di là sforzandosi di intuire che cosa stava succedendo, ma invano. Cioè, aveva afferrato che le due donne dicevano una cosa ma ne volevano dire un'altra, ma oltre non vi arrivava.

– Ué ué... ma, che succede qua? fatemi capire, che cosa state dicendo?

– Ma che buo' capi' tu, Salvato'! Non è successo completamente niente! Sule che noi donne siamo più attente di voi uomini, più meticolose... Io e la tua uagliona abbiamo deciso che mò tu accompagni Elisa alla stazione, la metti sul treno e poi te ne torni a casa tua. Questo è tutto! Ma nun te preoccupa', abbiamo passato una bella nottata insieme, abbiamo parlato, ci siamo dette tutto tutto, ma propete tutto! È vero Elisa che ci siamo detto tutto? – Fece la quasi suocera guardando la quasi nuora.

– Oh sì sì mammà!

– Ci siamo, come si dice: confidate! E mò non abbiamo più segreti!

Poi la bella giovane si volse a don Salvatore con piglio deciso:

– Salvato', facimme ampresse, puortame alla stazione pecché mò me ne voglie turna' a casa mia!


Francesco Caso



Kommentare


bottom of page