top of page

Amore e gelosia (LII)



LII

Immaginate le scena: Elisa si ergeva con la sua potente figura sulla povera suocera che, già piccola di suo, ora per davvero appariva schiantata, sottomessa.

"Le ho dato un bel colpo, davvero! L'ho messa sotto! Mò da oggi in poi si deve misurare, Adda sta calma! Ah!, finalmente! Sai mammà mia cumme sarà cuntente quanne le diche cumme l'agge sistemate!"...

Con questi dolci pensieri in testa, la bella nocerina si risedette a tavola, stavolta con l'aria quasi da padrona: aveva di nuovo fame, stese la mano, prese un piatto di biscotti fatti dalla suocera e cominciò a mangiarne con gusto, sotto gli occhi della vecchia che sembrava ormai vinta, senza alcuna capacità di reagire.

– Bè, allora mammà, mò che ce simme capite, ce ne putimme pure i' a cucca'! Me serve però na camicia da notte, perché non me ne prestate una? La più bella che tenete, mi raccomando eh?

La suocera si alzò faticosamente:

– Mò vado a prenderla nella mia stanza, nell'armadio. Te piace una camicia di lino puro? Mantiene freschi e te fa durmi' overamente! Sarai contenta!

E si avviò verso la sua stanza da letto, mezzo traballante tanto da suscitare un po' di pentimento in Elisa che tutto sommato aveva agito così non perché fosse una iazzera, ma perché provocata severamente dalla suocera.

Guardandola da dietro, mezza sciancata e zoppicante, alla giovane venne da pensare altro: "Ma vide nu poche se io mi devo comportare accussì! È na brava femmene, ma si nun la mettevo a posto a Salvatore me lo potevo scurda'! Da domani finalmente posso cominciare a pensare alla data del matrimonio e all'abito da sposa... Madonna, che belle giornate che mi aspettano! Sarte, negozi, calzolai, corredo, ricevimento! Che bella vita! Che bella!"...

La giovane si stiracchiò e sbadigliò: s'era fatto davvero tardi e il sonno ormai reclamava la sua parte al giovane corpo.

"Dormirò nella stanza di Salvatore, nel suo lettino pe stasera... Ma quanne vene sta vecchia con la camicia da notte, non ce la faccio più, tengo sonno!"...

Infatti erano passati più di un quarto d'ora e la porta della stanza della suocera rimaneva chiusa, né alcun rumore proveniva da dentro.

"Ma che sta facenne? Eva piglia' na camicia da notte, mica la doveva confezionare! Io ho sonno, me serve 'a camicia da notte! Mo vado dentro e le faccio vede' chi songhe! Sta vecchia scimunita!"…

È così fece: si alzò e si diresse verso la stanza della suocera, giunse alla porta, afferrò la maniglia , aprì e...


Francesco Caso



Comments


bottom of page