top of page

L'avvocato Ninetta (VII)



Scena VII

Rosina e detti.


Rosina – Signurì, 'a signora ha ditto che ghiate dinto pecché bebè s'è scetato, sta chiagnenno e vò zucà.

Ninetta – (con rabbia repressa) Dì a mammà che s' 'o spassasse nu poco pecché io pe mò sto facendo n'affare e nun pozzo lascià.

Rosina – Ma chella povera criatura nun zuca da stamattina.

Ninetta – E aspetta n'ato poco, io sto c' 'o cliente e nun pozzo penzà a chesto.

Rosina – Ma chillo...

Ninetta – Basta mò... vattenne dinto e nun me seccà. (Rosina via e poi torna)

Giacinto – Ma, avvocato mio, voi potevate andare pecché io aspettavo nu poco.

Ninetta – Io, quando sto cu 'e cliente, lloro nun m'hanna seccà, nce l'aggio ditto tanta vote e nun me vonno sentì. Stevemo dicenno che nuje nce vedimmo domenica dal Comm. Lanterna, ma venite priesto acciò io possa stare un poco sola cu vostra moglie.

Rosina – (col pupo avvolto in uno scialle) Signorì, scusate. V’aggio portata 'a criatura pecché schiattava a chiagnere e 'a signora ha ditto che nun 'a poteva tené cchiù.

Ninetta – (Rosì, comme t'è venuto ncapo?) Cheste sò penzate 'e pazzo.

Giacinto – Ma avvocà, fate, fate, senza suggezione... io me voto 'a chesta parte.

Ninetta – Allora aspettate nu mumento ca io mo vengo.


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Kommentare


bottom of page