top of page

L'avvocato Ninetta (VIII)



Scena VIII

Giulio e detti.


Giulio – Eccomi qua. Mi avete mandato a chiamare?

Ninetta – Giusto giusto. Giù, tiene compagnia al signore, io fra cinque minuti sto quà. (via di fretta con Rosina)

Giulio – (dopo pausa) Scusate, sapete dove è andata l'avvocato accussì 'e pressa?

Giacinto – È ghiuto a dà latte a criatura.

Giulio – Me pare na cosa curiosa che n'avvocato dà latte a na criatura.

Giacinto – Che ce volete fà, è il progresso. (ride)

Giulio – E il signore è cliente dell'avvocato Ninetta?

Giacinto – Sissignore, sono un nuovo cliente, m'ha mandato il mio caro amico Ciccio Lanterna.

Giulio – Ah! voi siete amico del Comm. Lanterna?

Giacinto – Per l'appunto.

Giulio – Ah! bravo, mi fa tanto piacere.

Giacinto – E voi forse siete avvocato?

Giulio – Sono il procuratore della signora Ninetta.

Giacinto – Ah! bravo! (Da chisto putarria sapé l'affare che m'ha ditto D.ª Ninetta.) E se è lecito sapere, come vi chiamate?

Giulio – Giulio Erbetta ai vostri comandi. E il signore?

Giacinto – Giacinto Chiappo, Barone di Capracotta per servirvi.

Giulio – (Uh! cattera!... chisto è o marito 'e Gesummina, 'a nammurata 'e Cesarino. E comme è capitato ccà? Che nc'è venuto a fà? Che sapesse quacche cosa?)

Giacinto – (L'ha fatto mpressione 'o chiappo... me sta squadranno 'a capa 'o pere, tenesse quacche cuoppo a rete e nun me ne sò addunato?)

Giulio – (Mo nce lo domando.) E se è lecito sapere, quale affare vi conduce dall'avvocato Ninetta?

Giacinto – Un affare molto serio. A proposito, D. Erbè...

Giulio – Giulio, volete dire, Erbetta è il cognome.

Giacinto – Ah!... D. Giulio... Vi dovrei domandare una cosa di professione.

Giulio – Dite, dite.

Giacinto – Prima di tutto, voi siete ammogliato?

Giulio – E che nce trase chesto cu 'a professione?

Giacinto – No, è per affare mio... (po' ve dico 'o pecché.)

Giulio – Nossignore, sono celibe.

Giacinto – E da quanto tempo?

Giulio – Come da quanto tempo se vi ho pregato che sono celibe.

Giacinto – Ah! già, già... celibe... avevo capito n'ata cosa.

Giulio – Ma chisto è nu tipo stu Barone!

Giacinto – Dunque D. Erbè...

Giulio – (È turnate da capo cu D. Erbè.)

Giacinto – D. Giù, scusate. Supponete che invece 'e celibe foste nzurato.

Giulio – E pecché avimma fà chesta supposizione?

Giacinto – Per un affare mio... po' ve dico 'o pecché.

Giulio – Va bene, supponiamo che io songo nzurato.

Giacinto – Io songo l'avvocato vostro, voi venite da me e me dimandate. Si può annullare il mio matrimonio? Vi rispondo: E come lo fate annullà? questo è impossibile, ammenocché non vi trovate in condizioni tali. Siete marito, o non siete marito? Voi comme ’e spiegate sti parole?

Giulio – Che bestia è st'avvocato. V'ha fatto sta domanda? e vuje ciuccio ciuccio ve site state zitto (ride forte). Ma, caro Barone, vuje siete curioso assaje... ah, ah.

Giacinto – Che bella spiegazione aggio avuto, pozzo stà contento! Ma no... questo non è successo a me, è successo ad un mio amico, ed io perciò ve stava dicenno che...

Giulio – E st'amico vostro ha da essere proprio na pastenaca, nu cretino. Come a non capire queste parole. (ride)

Giacinto – (E mò aggia fà vedé che rido pur'io.) Già, chillo è nu miezo cafone, è nu piezzo 'e scemo... ah, ah. (ride forte)

Giulio – Così solamente si spiega il fatto... Sentite, sò cose nove, cose non mai intese... (ridono forte tutte e due)


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Comentarios


bottom of page