• Letteratura Capracottese

A Capracotta


Panorama di Capracotta da Monte Ciglione (foto: A. Mendozzi).

Al maturo giorno

la notte chiude l'uscio.

Volgo lo sguardo a fronte

e certune avvolta da sereno,

taluna da ricami di nubi,

perpetua e bella ti scorgo.


Mai sopita,

da calda luce imbastita.

Ti giungo con pensieri di uggia,

distesa confidente.


Scussa da arroganza

eccelli su pianure, rupi e colli.

Sentinella di campanili altri,

padroneggi dall'altura candida,

tesoriera dei florilegi e degli arbusti tanti.


Illuminata di pace,

vassalla dell'empireo

carme del volo maestoso.

Ogni notte mi accudisci,

che sei favola.


Favola del bosco folto,

della pietra assolata,

dell'acqua squillante,

del gregge adottato,

della gente ardente.


Mura spesse, tetti robusti

ti incoronano guerriera,

custode delle tavole sagge,

dei cuori cocenti di onore,

della fede, della fatica.


Attendo l'alba e ti guardo negli occhi.

Attendo il tramonto e sussurro alla tua femminilità.

Preziosa, elegante fautrice

abitami infinitamente.


Cesira Donatelli

#capracotta #cesiradonatelli

© 2015-2020 Letteratura Capracottese di Francesco Mendozzi

Via San Sebastiano, 6 - 86082 Capracotta (IS)

*** Contattami ***