• Letteratura Capracottese

Capracotta, dicembre 1943


William G. Congdon (1912-1998) con l'American Friends Committee a Capracotta nel 1946-47.

Capracotta era una stazione sciistica, una volta,

fredde montagne di blu cristallino,

neve sul Sangro,

e da laggiù

- a partire dai villaggi su quegli altri monti

lungo tutte le vette che è possibile scorgere

via, fino al cuore d'Europa,

erano tedeschi, Fortezza Europa.


Là trova posto il nero continente,

soluzione costretta in schiavitù,

che, come l'Adamo michelangiolesco, aspetta

di colmare il vuoto della smortezza.

La sola idea li ha sostenuti

e dovrebbe continuare a farlo:


perché qui a Capracotta, dove la liberazione c'era

tra le macerie, come un sacco di bastoni, si raccoglie un uomo

teso, ghermito, un uomo sproporzionato,

carne che deve aver vissuto troppo a lungo,

non così tanta carne quanta ne ricordo.

Putrescente persistenza della materia

che può assorbire le ferite ma guarirle mai.


(Qual è quest'immortale qualità d'Europa,

quando, morto nello spirito,

il cadavere può giacere dormiente,

attendere il suo tempo,

e svegliatosi, tormentarci per sempre?

La mente nostra non può rintracciarla

né rapportarla

ad alcuna esperienza dentro noi.)


William Grosvenor Congdon

(trad. di Francesco Mendozzi)

#capracotta #distruzione #francescomendozzi #letteraturaamericana #secondaguerramondiale #traduzioni #williamcongdon

© 2015-2020 Letteratura Capracottese di Francesco Mendozzi

Via San Sebastiano, 6 - 86082 Capracotta (IS)

*** Contattami ***