top of page

Cartoline di viaggio


Rielaborazione di una cartolina degli anni '50 (foto: V. Simone).

Il viaggio Capracotta-Campobasso è stato per anni la mia routine settimanale: di sabato a salire, di domenica pomeriggio a scendere. Ciò ha portato ad una conoscenza approfondita della strada, degli angoli e delle curve, sicché avrei potuto camminare ad occhi chiusi e la macchina avrebbe fatto il suo percorso senza difficoltà.

Una qualsiasi domenica: mi lascio alle spalle il paese, Monte Campo, la Maiella, le alture di Roccaraso e vado incontro a Monte Capraro con i suoi sbuffi di nebbia, alla galleria verde di Vallesorda, al parco eolico che, stranamente, non offende l'occhio dell'ambientalista, situato com'è sui pianori sconfinati di Monteforte, battuti dal vento e dalle tempeste di neve.

Arroccato su un'altura appare Vastogirardi, spesso avvolto dalla foschia; in lontananza le cime delle Mainarde, seghettate e spesso imbiancate, quasi un baluardo a difesa di questo suggestivo angolo di mondo, avvolto nel silenzio e nella solitudine.

La strada prosegue verso Staffoli, un tempo distesa di verde, ora non più, infestata di capannoni, recinti per cavalli e tracciati per rodeo, un ristorante, a 1.000 m. di altitudine. Siamo scesi parecchio dai 1.421 m. di Capracotta.

L'aria si fa più mite, la strada prosegue: un ruscello! Macché: quello è il Trigno, arriverà fino al mare. Corri, corri, fiume, l'Adriatico ti aspetta.

Ad una svolta successiva appare un angolo di Svizzera: cosa sarà mai quel paesino ridente con la faccia rivolta al sole? È Carovilli con la stazione ferroviaria oggi in disuso, perché ramo secco. E chi l'ha seccato? Tra poco anche i nostri piccoli borghi saranno rami secchi e verranno cancellati dalla carta geografica.

La strada prosegue, come l'ansa di un fiume, a sinistra la foresta di Pietrabbondante, poi boschi, prati, qualche casa colonica, un ristorante e via... verso Pescolanciano arroccato intorno al suo castello, ricordo di un tempo felice e prospero. Anche qui si rasenta un ramo secco.

Il viaggio si arresta con la visione del Monte Totila... e con la galleria di San Venditto.

Oltre non andiamo: il nostro Alto Molise si chiude nel suo bozzolo e non vuole contaminazioni. Gli altri non pensano a noi e noi, fieri delle nostre origini, tentiamo di escluderli per lo meno dalla nostra vista.


Maria Delli Quadri

 

Fonte: M. Delli Quadri, Il mondo di Maria, a cura di E. C. Delli Quadri, Youcanprint, Lecce 2021.

Comentários


bottom of page