• Letteratura Capracottese

La storia der monno


Giovanni Muzzioli, "Abramo e Sara nella Reggia del Faraone", 1875, olio su tela.

E scesero l'ebbrei co' la pagnotta

come fanno da noi li pecorari

quanno che fa neve a Capracotta,

co' le cioce, le pecore e somari,


e annaveno vennenno la ricotta.

Ereno scarcinati montanari

e quelli cittadini e gente dotta;

li giudii faceveno l'affari


perché quell'antri, invece che alla grana,

penzaveno a cercasse la fortuna

sopra le stelle e, co' maniera strana,


senza avecce la pratica opportuna,

staveno sveji la nottata sana

a contemplasse er cèlo co' la luna.


Diceveno: Se monta facirmente

sopra 'sto cèlo, co l'architettura:

basta 'na scala forte e resistente;

annacce a piedi è cosa più sicura.


Eppure era 'na razza intelligente!

Ma voleveno vince la natura

senza li razzi e senza er propellente,

sortanto a mezzo de 'n'imparcatura.


Fu decisa così la costruzzione

e ce messero a capo Minchiore;

e chi je dava torto e chi raggione,


perché alla gente piace de discore.

Er prete diede la benedizzione,

messe la prima pietra della tore.


E puro er Padreterno scese a vede'

che staveno facenno 'sti fregnoni.

Prese 'na pietra, ce se messe a sede'

e dimannò perché tanti matoni.


E quelli j'arisposero: Che crede?

Che dice lei? Che noi nun semo boni

d'arivà in paradiso? Ce vò fede

rispose lui e voi sete cojoni.


E subbito je venne 'na penzata,

proprio da Padreterno, accusì fina

che penzannoce fece 'na risata.


«Mo v'accommido io, pe' la matina!»

E je confuse a tutti la parlata

che quella gente diventò cretina.


Raggionaveno tutti a 'na maniera,

ma però se capiveno ar contrario.

Si un diceva «pace, bona sera»

l'antro capiva «guera» ar suo frasario;


pareva da stà all'Onu, alla frontiera!

E fecero un linguaggio immagginario

pe potesse capì, però nun c'era

né l'arfabeto, né er vocabbolario.


Inzomma era 'na tale confusione

che Abramo disse a Sara: Annamo via,

ché, si restamo qui, addio raggione!


E fatta d'ogni cosa masseria,

guidanno co' li cani e cor bastone

le pecore, escì fora de Turchia.


Era Sara più bella della Lollo,

più de Bardò, più mejo de Sofia;

ci aveva 'na capoccia sopra er collo

ch'era davero 'na fottografia;


quanno faceva poi vede' lo scollo

chi lo vedeva entrava in fantasia.

Co' la posta moderna, ar francobollo

ce metteveno lei, parola mia!


Era Sara p'Abbramo 'na passione,

ci annava pazzo, se la spupazzava,

se la teneva sempre ar padijone.


Quante ricotte che j'arigalava!

Però bisogna dì che, in concrusione,

Sara, chissà perché, nun je fijava.


Gustavo Quadrini

Fonte: G. Quadrini, La storia der monno, Santoro, Roma 1962.

© 2015-2020 Letteratura Capracottese di Francesco Mendozzi

Via San Sebastiano, 6 - 86082 Capracotta (IS)

*** Contattami ***