top of page

Riunione attira 400 persone legate ad una cittadina italiana


James Carnivale Joseph Di Rienzo
L'articolo originale sul Courier-Post.

James Carnevale emigrò da Capracotta, in Italia, nel 1925, quando aveva 11 anni.

Suo padre si era già stabilito a Burlington Township ed era tornato in Italia un'ultima volta per i familiari.

Come molti residenti del piccolo paese di montagna a metà strada tra Roma e Napoli, i Carnevale lasciarono l'Italia in cerca di lavori migliori e di una vita migliore.

E come molti capracottesi, si stabilirono nel South Jersey.

Domenica, Carnevale ed altri 400 immigrati da Capracotta coi loro discendenti si sono riuniti per la prima volta presso l'Enlisted Club della base aeronautica McGuire. Hanno rivisto vecchi amici e parenti e hanno ricreato collegamenti col proprio passato. La maggior parte di essi erano più vecchi, più grigi e persino più calvi di quando s'erano incontrati l'ultima volta, ma erano comunque tutti entusiasti di essere lì.

«Non potevamo perdercelo», ha detto Joseph Di Rienzo, che è volato da San Marcos, California.

Di Rienzo ha vissuto a Burlington Township per 39 anni prima di trasferirsi in California quasi 40 anni fa.

Tra il 1890 e il 1930, dozzine di famiglie di Capracotta immigrarono a Burlington Township, Burlington, Trenton e Bristol, in Pennsylvania. Membri di una famiglia o gruppi di famiglie sono venuti insieme. Di solito gli uomini partivano per primi e mandavano i soldi a casa in modo che i membri della famiglia potessero poi unirsi a loro.

In America molti vivevano nelle stesse strade e frequentavano le stesse scuole. Molti discendenti vivono ancora nelle città dove si sono stabiliti i loro antenati. Altri vivono a Moorestown, Cherry Hill e in altre parti del South Jersey.

Carnevale, 87 anni, ricorda vividamente il viaggio in nave di 10 giorni attraverso l'Oceano Atlantico fino a Ellis Island, un percorso che suo padre ha affrontato più volte prima di trasferire la famiglia in America. È stato suo padre ad aiutare la famiglia ad integrarsi.

Oltre a fornire consigli ed orientamento, gli immigrati si aiutavano a vicenda nell'imparare una nuova lingua, ma anche no.

«Mia nonna non parlava mai inglese», ha detto Janet Sozio, la cui nonna emigrò nel 1907 dopo che suo nonno si era stabilito a Willingboro. Non dovevano parlare inglese, disse, perché tutti parlavano italiano.

Joe Paglione, 59 anni, ha contribuito ad organizzare l'evento di domenica, inviando gli inviti a persone lontane in California, Arizona e Canada. Paglione conosceva già molte persone di Capracotta e le loro famiglie a Burlington Township e dintorni. Era facile riconoscerli quando li incontrava nel corso degli anni, ha detto. Conosceva i loro nomi: Sozio, Costello, Di Rienzo, Carnivale, Comegno e Deone.

L'interesse per la riunione è stato così grande che gli organizzatori hanno dovuto respingere centinaia di persone.

«Spero solo che continuino così ha detto Di Rienzo. Vedo così tante persone. Alcune non le vedevo da 50 anni. Devo guardare le targhette coi nomi!».


Christina DeNardo

(trad. di Francesco Mendozzi)

 

Fonte: C. DeNardo, Reunion draws 400 with ties to Italian town, in «Courier-Post», Cherry Hill, 5 giugno 2000.

Comments


bottom of page