• Letteratura Capracottese

Sciore de jenesctra


Cespugli di ginestra a Civitanova del Sannio (foto: A. Beltrame).

Arremenènne sagliéva pe la via addù le curve so serpendiélle fine, e zig-zagghene e viène arrengemènnese vèrse re Piésche e Capracotta 'n gime. Da là, sotte a Sandagnere, le cuoscte  giallévene de sciùre profumàte e arre core de re miézzejuorne l'ombra ze n'era juta scumbedièta.


Sciore ca nièsce a 'ndespettì la terra, ca de la terra sctéssa sié figliasctre, addesertàte addù la terra è cruda e arrecamàta suòle dalle préte. Tu t'addumiènne se la natura è chescta: de cresce che re spìne tutt'attòrne e pe contraddizione sciùre gialle ca viène profumènne notte e juòrne. Re sole c'ha pasciùte ssa jurnàta mo ze ne cala déndre alla vessòra. È n'uove ca le ghiènghe ca sctà attòrne fa la curòna e può re viéspre 'ndora.


E tu arremiène fridde, senza luce, suòle, che la falgiglia de 'ssa luna, senza sendìrne voce.


T'arrassemìglie a chessa genda mea, ca vecchia, stanga e arremàscta suòla, de vièrne sctruppejèta dalla néve, canda ogni juòrne 'na canzona nòva. T’arrassemìglie a 'sse paisce miè, addù 'ne viénde forte ha scterpenìte scutrènne pazze:  genda, recuorde e suònne ca z'jéne a poche a poche può sctetuate. E chiù 'ne sciòre vola jènne sbattènne cercànne nòva rama ca r'allégna, chiù arréscta vuojeta e lasca chéssa rocchia ca ajètta 'n'ombra sctrèusa e z'appapàgna.


Re viénde angòra fisca e va spluchènne le fugletèlle gialle a una a una, le sbatte e le zeffònna chisà addùnna a je facènne terra pe re cice.


Ma a te 'ssa sorta è sctata cumenènne, senza né bene e male la tie 'n guòlle, Ma chi è arremàscte mmiézze a 'sse mundagne ne è sctata sorta a farre abbandunàte. È sctata la 'ngurdìzia de "nesciùne" ca ha avùte troppe senza avè semendàte, e ha azzeppuàte a miène cannarùte facenne de prumèsse aldre prumèsse ; può ha lassàte tutte scterpenìte arremanènne miézze prèvete e 'na méssa.


E tu sciòr' de jenèsctra ca sié mise radice addùnna n'è la terra tea, abbandunènne pure re recuòrde te sembra ca sié vinde, ma sié pèrse ! E la radice è ecche c'arremàna. Te la speranza ca 'ne juòrne tuòrne che la baligia mmiene e l'alma rotta vascènne  prete, lassànne 'ne delòre.


Gustavo Tempesta

Fiore di ginestra

Tornando, salendo per le strade dove le curve - serpentelli sottili - vanno zuigzagando arrampicandosi verso Pescopennataro e Capracotta. Da li, sotto Sant'Angelo, i rilievi gialleggiano di rovi profumati e allo zenit del mezzogiorno l'ombra era già sparita infastidita. Fiore che cresci in dispetto alla terra e che la terra considera bastardo. Relegato dove il suolo è più crudele gratificato solo dalle pietre. E ti domandi se: natura è questa che ti fa crescere contornato di spine, contraddicendosi con tanti fiori gialli che esalano profumo tutt'intorno. Il sole che ha pascolato il giorno ora precipita nella sua padella. È un uovo con la corolla bianca che fa corona indorando il vespero. E tu rimani freddo, senza luce; solo, con la tua falce di luna; senza sentirne voce. Somigli tanto a questa gente mia che vecchia e stanca, ormai rimasta sola. D'inverno saccheggiata dalla neve canta ogni giorno una canzone nuova. Somigli a tutti questi paesi miei dove un vento impetuoso ha falcidiato scuotendo pazzo: gente, ricordi e sogni, andandosi col tempo, poi spegnendo. E più un fiore vola sbattuto dal vento su un nuovo ramo che lo alligna, più rimane spogliato questo rovo che getta un'ombra strana e si abbandona. Il vento fischia ancora e va spigando le foglie tenerelle una ad una: le sbatte e le precipita chissà dove a fare concime  per un'altra terra. Ma questo tuo percorso è di natura e senza bene o male lo sopporti. Ma per chi è rimasto in mezzo alle montagne non è stata la sorte che ha deciso. È stata l'ingordigia di "nessuno" che ha avuto troppo senza seminare e ha inzuppato con mani egoiste facendo di promesse altre promesse. Poi ha lasciato tutto abbandonato ed è rimasto mezzo prete e una messa. E tu fiore di ginestra che hai messo radici dove non è terra tua, abbandonando anche i tuoi ricordi ti sembra di aver vinto, ma hai perduto. Ma la radice sempre qui è rimasta, è la speranza che tu un giorno torni con la valigia in mano e l'animo rotto, baciando pietre, dimenticando un dolore.


(trad. di Enzo Carmine Delli Quadri)

Fonte: G. Tempesta, 'Ne cande. Un canto, Simple, Macerata 2014.

#capracotta #enzocarminedelliquadri #gustavotempesta #pescopennataro

© 2015-2020 Letteratura Capracottese di Francesco Mendozzi

Via San Sebastiano, 6 - 86082 Capracotta (IS)

*** Contattami ***