• Letteratura Capracottese

Amate(vi)



Occhi che avrebber dat'occhi

Per languire al fianco suo

E uomini e sterili e scarafaggi,

Inetti d'un tempo che non fu tempo,

Ché le donne eran di sacro e di profano,

Tanto che il martirio de' padri nostri

Sembrava ciano al Suo veleno.


«O voi, uomini, insulsa casta critica solenne,

Che ricercate nel quotidiano il vostro gaudio,

Sappiate che son qui per sorvegliarvi come guida

O mentore di Giuda,

Come apostolo e discepolo ad un tempo

A ricordare che imparare è un insegnare a qualcun d'altro

Se qualcuno è lì a sentire,


Ad ascoltare, mirabile visione,

In cielo aperto e nuvole e tifoni».

Pellegrino non fu lui che venne a voi

Ma Colui che ricercando trovò il senso delle cose

E nulla è tutto, in egual peso, tanto Storia ci comanda,

Sfiorisce, appanna e disincanta

Come dama presta al tradimento.


Francesco Mendozzi


© 2015-2020 Letteratura Capracottese di Francesco Mendozzi

Via San Sebastiano, 6 - 86082 Capracotta (IS)

*** Contattami ***