top of page

Amore e gelosia (XVI)



XVI

– E allora? – ripeté Elisa.

– E allora, allora... Va bbuone, cumme vuo' tu... Domenica vengo a casa tua, a conoscere il giudice tuo padre. Ch'aggia fa', te voglio bene e faccio tutto quello che vuoi... Però nun me fa truva' gente, amici che vonne sente 'e canzone, poesie... Mi raccummanne!

Elisa si illuminò dalla gioia:

– Non ti preoccupare, verrai a pranzo, mammà sta già pensanne a cucena'... e saremo solo noi, tu e la mia famiglia... la nostra famiglia!

– Già, la nostra famiglia... E intanto chella povera femmena, mammà, domenica se ne sta sola sola a casa... Me manche 'o curaggio p' 'a lassa' dinte a chella casa grossa senza nisciune. La ragazza fece una smorfia, poi si contenne:

– E tu puorte pure a tua madre! Casa mia è una villa piena di verde, in campagna, tua madre sarà accolta cumme a na regina, passerà una bella giornata.

– Seee, mammà che se move da Napoli! è nu suonne! Va bene, mò dico a Nannina che deve restare con lei a pranzo... Tutto si aggiusta, stai tranquilla...

I due innamorati passeggiavano ora per via Caracciolo, sul lungomare di Napoli. C'era un leggero venticello che attenuava il primo caldo della primavera inoltrata e dava un po' di sollievo alla povera Elisa intabarrata nelle pesanti vesti d'obbligo a quei tempi.

In testa portava un altro dei suoi magnifici cappelli che addolcivano un po' la severità quasi monastica degli abiti del primo Novecento, e in mano faceva dondolare un bastoncino da passeggio. La guardavano un po' tutti, in specie le donne ed Elisa sentiva fischiarsi le orecchie.

"Chissà quante me ne stanno dicendo dietro" pensò, e non era lontana dal vero.

Il poeta Salvatore Di Giacomo era stato un buon partito per le giovani napoletane dell'epoca: poi era apparsa improvvisamente quella "paesanotta" nocerina e don Salvatore «è cadute cumme 'o surecille dinte 'o mastrille!».

Questo dicevano le femmine a Napoli, e questo mormoravano quando lo vedevano passeggiare con la bella Elisa, con l'aria dell'innamorato.

I maschi invece ammiravano la bella nocerina e gli amici del poeta facevano a gara per avvicinarsi, presentarsi e magari fare qualche elegante avance.

Ma don Salvatore vigilava eccome, e se si accorgeva che qualcuno faceva il cascamorto più del dovuto, tagliava corto, prendeva Elisa per il braccio e via...

– Allora domenica mangiamo a casa, a Nocera – concluse Elisa.

"Missione compiuta, mammà sarà contenta di me," intanto pensava, "prossimo passo il matrimonio."

Tutto bene, che felicità...


Francesco Caso



Comments


bottom of page