top of page

Amore e gelosia (III)



III

Don Salvatore non viveva uno dei suoi periodi migliori.

Stava sperimentando sulla sua pelle come una storiella d'amore potesse essere piacevole e divertente, mentre un amore vero sa essere dispettoso e a tratti angosciante.

"Ma guarda un po' se una ragazza di Nocera deve mettermi in testa tanti pensieri e tenermi tanto in agitazione!"

Questo tarlo gli si insinuava nei pensieri continuamente, lo scacciava e quello tornava con indifferenza, facendosi beffe del grande poeta.

All'inizio, don Salvatore era stato compiaciuto e perché no, anche divertito dall'ammirazione che Elisa provava per lui.

Era una bella ragazza, niente da dire, e pure essendo di un paesello della provincia di Salerno, sapeva vestire con gusto e anche un pizzico di audacia, come quando si era presentata la prima volta in biblioteca con uno sgargiante vestito rosso che ne esaltava l'altezza e la bella figura.

Avevano trascorso una bella ora d'aria passeggiando nella villa Margherita, in una giornata di sole di quelle che solo a Napoli possono nascere, sotto un cielo di un azzurro stupendo e con una luce vibrante e dolce.

Poi si erano separati, non stabilendo niente per il futuro, ma certi senza dirselo che si sarebbero rivisti.

"Potrei essere suo padre!" andava pensando don Salvatore mentre ritornava al lavoro in biblioteca, agitando la testa per evitare che altri pensieri gli si insinuassero.

Poi non aveva più pensato a lei nel corso della giornata, fino al ritorno a casa, da sua mamma.

– Mammà, 'o saie? Agge canesciute na bella uagliona, bruna bruna, aveta e longilinea... Ce pienze? Chesta fa 'o magistero, e vuole fare la tesi su un grande poeta... E sai chi è stu grande poeta? Mammà, songhe io!

La vecchia signora aveva subito drizzato le antenne: "E mó chi era chest'ata?"

Aveva avvertito subito nel tono del figlio qualcosa di strano.

Con finta indifferenza gli aveva chiesto:

– Ah... E chi è sta peccerella? Quante anne tene? E da ro' ne vene?

"Eccola là! Subito a pensare che se vonne piglia' 'o figlie suoie! Fammela tranquillizzare subito, se no chesta me fa passa' nu brutte quarte d'ora.." pensò il figlio, che bene conosceva sua madre e il suo morboso attaccamento verso di lui.

– Mammà, ma chi 'a sape! E chi 'a vede cchiù! È venuta oggi ma chissà si vene n'ata vota! Chella è di Nocera Inferiore, nu paisielle da provincia 'e Salierne che sule pe veni' a Napule ce vo' mezza iurnata! E po' è na uagliona, chissà si e tene ventidue, ventitré anni!... È venuta cu nu vestito rosso sgargiante... Che me ne 'mporta a me!

La madre si era insospettita ancora di più.

– Ah, già saie 'o paese, quant'anne tene, che è na bella peccerella, che porta 'o vestito rosso! E poi? L'hai portata pure a spasso eh? Dimme 'a verità!

– Madonna mia, e mó cumme ce leva 'a dinte a capa chesta peccerella! Agge passate 'o guaio!

La serata si prospettava pesante per il povero don Salvatore.


Francesco Caso



Comentarios


bottom of page