top of page

Amore e gelosia (IX)



IX

Donna Patrizia Buongiorno era davvero incazzata e se la prendeva con chiunque le capitasse davanti.

– Nanni', ma vuo' lava' nu poche 'nterra! Ce sta 'o spuorche fine a sotto 'o lietto, ma nun vide niente? E doppe scinne e vai a comperare mezzo chilo di caffè, quello intero, non macinato, e 'o zucchero! Ah, no no... 'O zucchero ce sta!

Seduta come una matrona nella poltrona bergère, comandava a destra e a manca per preparare il pomeriggio del sabato in cui doveva avvenire lo storico incontro: Elisa Avigliano veniva a visitarla, l'usurpatrice, quella che si voleva prendere il suo figlio prediletto, veniva «per porgerle gli omaggi di una figlia devota alla sua futura madre». Così aveva scritto nel suo biglietto, quell'ipocrita arrampicatrice nonché cacciatrice di uomini! Ah, ma avrebbe trovato pane per i suoi denti! Cortesia, gentilezza e... astuzia!

Al solo pensiero di come sarebbe stata furba, donna Patrizia rideva da sola ma... Doveva fare attenzione! Suo figlio era invaghito di quella... di quella, come chiamarla? Ah, perchiupetala! E se lei sbagliava una mossa, capace che quel benedetto ragazzo infilava la porta e se ne andava con lei!

Doveva fare un gioco di tira e molla, ecco che cosa doveva fare! – Avete avvertito don Cicce? Mi ha promesso che sarebbe venuto, ma chille è nu miezze stunate... Nanni', doppe passa per la chiesa 'e San Giuseppe e valle a ricurda' che oggi adda veni', alle cinque in punto, a prendere il caffè a casa mia.

– Va bbuone donna Patrizia, me la vedo io, state tranquilla – fece la domestica che ben conosceva la pignoleria della sua padrona.

– Ah, te la vedi tu? Sta tutto a posto allora? Ah sì ? E allora i dolci? Addo stanne 'e pastarelle eh? Che figura facce cu chella?

– Donna Patri', ve site scurdate? I dolci li porta don Salvatore, ha detto che prima di mezzogiorno lui...

– E allora stamme 'nguaiate! Quello mio figlio campa con la testa tra le nuvole! Mò si ricorda le pastarelle, se se... Nanni', stamme a senti', scendi e vai a comprare nu cartoccio di paste secche dal pasticciere all'angolo. Si pure Salvatore se ricorda, nun fa niente, tante nun se iettene, ma almeno stiamo sicuri che nun facimme na brutta figura! Va', va', lascia 'a mazza pe lava' ccà, me la vedo io...

Così trascorreva la giornata in casa Di Giacomo, in attesa di Elisa Avigliano, la giovane nocerina che aveva intrappolato il poeta con la sua bellezza.

Le ore infine passarono veloci, si fecero le cinque, don Cicce arrivò tutto trafelato e si stravaccò sul divano... Poi si fecero le cinque e mezza e ancora niente e... Alle sei meno un quarto Nannina si affacciò dalla porta della cucina:

– Stanne arrivanne, stanne ccà! Li ho visti dalla finestra! Donna Patri', che bella coppia! Che bella ragazza!

Un'occhiata di fuoco la incenerì e la fece tornare di corsa in cucina.

Il pomeriggio prometteva bene...


Francesco Caso



bottom of page