top of page

Amore e gelosia (VIII)



VIII

– E allora? che ti ha detto? ti porta a conoscere 'a mamma soia?

La voce bassa con cui pose la domanda, fece capire ad Elisa che sua madre era sul chi va là, sospettosa e diffidente.

– Sì mammà, – fece lei sorridente, – sabato pomeriggio vado a Napoli col treno, Salvatore mi viene a prendere alla stazione col calessino e poi andiamo a casa sua. Giusto un'oretta, non di più, poi mi riaccompagna alla stazione e la sera stessa sono di nuovo a Nocera. Anzi, manda qualcuno a prendermi, vorrei andare a dormire dalla zia a san Giovanni in Parco, glielo ho promesso...

– Elisa, non mettere niente in mezzo! Tu sabato sera ti ritiri a casa tua e mi racconti tutto, ma proprio tutto, hai capito? – rispose piccata sua madre.

Sua figlia era un'ingenua, a parer suo, non capiva che bisognava ponderare ogni passo, e che ci voleva la sua guida.

– Va bene, mammà... mò però non dirmi niente, stanne venendo le mie amiche e dobbiamo pensare che cosa mi devo mettere per l'occasione e...

– Elisa! Nun me dicere che hai parlato con le tue amiche di questa storia! No, nun m' 'o dicere! Ma ti rendi conto? Qui finiamo sulla bocca di tutta Nocera, e nun ce sta ancora niente di certo! Ma hai capito di chi stai parlanne? Di Salvatore Di Giacomo! L'autore di "Spingule francese", che pure l'imperatore d'Austria si è fatto suonare dalla sua orchestra! Il poeta più famoso di Napule!

Presa dal fiatone, la povera donna dovette soffermarsi per poi riprendere, sempre un poco ansante: – Elisa, figlia mia bella, ma sai che cosa è l'invidia? ne hai idea? ma hai capito che quando si saprà chi ti vuole, qua verranno pure i giornalisti? che se te lo sposi vieni nei libri di storia? devi stare attenta, figlia mia, nun ie dicere niente a nessuno, a nessuno, neanche alla tua migliore amica! Silenzio, silenzio e prudenza! Nui simme na famiglia perbene, nun putimme sbaglia'!

La ragazza si fece rossa rossa in viso, e i suoi grandi occhi neri si spalancarono ancor più, rivelando due pozze profonde di una bellezza incomparabile: a vederla, si intuiva perché il poeta era stato completamente preso da Elisa.

– Mammà... mammà, ie agge ditte coccosa a Mariuccia... ma nun agge ditte chi è, sule che ce sta un uomo che mi vuole, niente cchiù!

– E niente cchiù devi dire! Anzi dici che te sì sbagliate, che chille nun te vo', era sule una tua impressione! E per il vestito per sabato non ti preoccupare: scendiamo io e te domani e andiamo a comprare il più bello che tiene De Chiara o Belsito, te lo prometto!


Francesco Caso



Comments


bottom of page