top of page

L'avvocato Ninetta (I)



Atto primo

Stanzetta da studio arredata decentemente ma senza lusso. Grande scrivania, libreria, scaffali ed altre carte, sedie tappezzate, piccolo tavolo da scrivere per uso di copista. Oggetti da scrittoio, giornali diversi, molte carte stampate sparse sulla scrivania.

 

Scena I

Cesarino indi Rosina.


Cesarino – (seduto al tavolo piccolo, scrive) Voglio vedé si arrivo a fernì sta regola. Se Ninetta tarda nu poco a turnà 'a botta è fatta. Sabato piglio 'o terno. Io stasera l'ho promesso 'e purtarle il mio ritratto e non voglio mancare di parola. E si vene e vò vedé si aggio scritto 'a sentenza, io che le dico?... Basta... le dico che m'è caduto 'o calamaro ncopp' 'a carta e aggio mannà a piglià l'ata carta bollata. Lasseme avvisà Rosina, m'avessa ncuccià ncopp' 'o fatto... e chi 'a sente a chella. (chiama) Rusì? Rusì?

Rosina – Signurì che vulite?

Cesarino – Famme 'o piacere, dì a Giuvanne 'o guardaporta d'avvisà 'a dint' 'o portavoce quanno saglie 'a signurina, pecché io nun me vularria fà truvà c' 'o lardo ncuollo. Tu mò m'è capito?

Rosina – Aggio capito tutte cose, nun ce penzate ch'è pensiero mio.

Cesarino – 'A signora vecchia mia suocera che sta facenno?

Rosina – È asciuta nu poco, ha ditto che ghieva a Chiesa e che turnava subeto subeto.

Cesarino – E bebè cu chi è rimasto?

Rosina – Sta durmenno tanto cuieto, povera criatura.

Cesarino – E si se sceta tu nun 'o siente.

Rosina – Uh! nun dubitate, io sto sempre 'a chella parte e ogni tanto 'o vaco a vedé. (si sente un fischio interno)

Cesarino – È Ninetta?

Rosina – (che è andata a vedere e subito ritorna) No, nun è 'a signurina, è 'a signora vecchia che sta saglienno.

Cesarino – E pe saglì chillo casciabanco ce vularrà per lo meno na mezz'ora, se tratta 'e 126 scalini e nun se pazzea. Ntramente io dongo n'ata botta a sta cornice. Te raccomanno, nun 'a fà trasì ccà dinto.

Rosina – Nun ce pensate. Chella arriva tutta sudata e appena vene se va a nzerrà dint' 'a cammara soia pe se cagnà.

Cesarino – Ma si esce ccà fora e me trova cu stu niozio mmano, mò chella 'o va a dì a Ninetta, e comme rimedio?

Rosina – Appena s'è spicciata io v' 'o vengo avvisà. Facitem' j a riceverla si no chella se piglia collera. (via)

Cesarino – Dincello ca io sto occupatissimo, ca sto fernenno na sentenza m'e perciò nun aggio potuto lascià.

Rosina – Va bene, ve servo. Ah, ccà sta D. Giulio l'avvocato. (via)

Cesarino – Avanti, avanti. (entra Giulio)

Giulio – Guè, caro Cesarino. L'avvocato ci sta?

Cesarino – Quale avvocato?

Giulio – Tua moglie.

Cesarino – Ah già, io me scordo sempe che mia moglie è avvocato.

Giulio – L'era venuto a dicere che il Consiglio dell'Ordine ha ricusato di metterla nell'albo dei procuratori.

Cesarino – Sì, ma 'o Commendatore D. Ciccio Lanterna le dicette che 'a sentenza l'aveva fatta favorevole.

Giulio – Lo so, ma 'o Consiglio 'e l'Ordine ha prodotto appello.

Cesarino – E chi 'a sente a Ninetta, quella non sogna che la nomina effettiva e le pareno mille anne 'e difendere na causa.

Giulio – Ma... speriamo bene. Tu dincello che noi faremo tutto il possibile per le fà vincere 'o punto. Io intanto ti lascio, tengo molte cose da sbrigare.

Cesarino – Statte buono, Giulio.

Giulio – Neh, è visto cchiù a Gesummina?

Cesarino – Sì, molto tempo fa.

Giulio – E che te dicette?

Cesarino – Po' te conto. Mò sta venenno mia suocera.

Giulio – Mbè, statte buono. Tanti saluti al collega tua moglie.

Cesarino – Grazie, ti servirò (Giulio via). Gesummina, una delle mie tante amanti! (lavorando sempre) Vedete nu poco, chi me l'avesse detto che io m'aveva nzurà così giovine, io che faceva 'o spasimante cu sette, otto signorine contemporaneamente e a tutte prometteva felicità. Quando in una società m'incontrai con la mia cara Ninetta, che me sapette arravuglià tanto bene mmiez' 'o codice che nun aggio potuto scappà cchiù, io la sposaje pure perché era l'unica ancora di salvezza che mi restava. Ed eccomi diventato il marito di un avvocato ed il copista di mia moglie.

Rosina – Signurì, fora nce sta nu signore curiuso curiuso che vò parlà cu vuje.

Cesarino – E che vò?

Rosina – Che ne saccio. M'ha addimmannato! Nce sta il signore dentro? e l'aggi ditto sì. Sarrà quacche amico vuosto.

Cesarino – Va buono, fallo trasì (Rosina via). Mò arricetto sta robba e me metto a scrivere. Nce vuleva pure sta seccatura pe nun me fa fernì sta regola. (esegue)


Francesco Gabriello Starace


 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Комментарии


bottom of page