top of page

L'avvocato Ninetta (III)



Scena III

Rosina e detti, indi Bettina.


Rosina – Signurì, 'a signora vecchia mò è asciuta 'a dint' 'a cammara soja e sta venenno 'a chesta parte. (via)

Cesarino – (Ah! brava.) Mò ve faccio conoscere pure 'a mamma.

Giacinto – 'A mamma 'e chi?

Cesarino – 'A mamma di mia moglie.

Giacinto – Mi figuro che piezzo d'artiglieria ha da essere.

Cesarino – Na femmenona. Essa ha mparata 'a figlia accussì.

Giacinto – Neh! E consolatenne.

Bettina – (dentro) Cesarì, Cesarì, addó staje? (fuori) E il signore chi è?

Cesarino – È un nuovo cliente.

Bettina – Oh! bravo! Fortunatissima tanto tanto di conoscervi.

Giacinto – (stupefatto) La fortuna è mia, per carità.

Bettina – Accomodatevi... accomodatevi! (lo fa sedere)

Giacinto – Scusate, signora mia, ccà nc'à da essere n'equivoco, perché io vado in cerca dell'avvocato Rocco Ninetta.

Bettina – Sissignore, sta quà... Siete stato diretto bene.

Giacinto – No, pecché doppo chello che m'ha ditto stu signore, me pareva na cosa curiosa che... (Io non ne capisco niente più.)

Bettina – 'A chillo nun l'avita dà audienza, vuje avita parlà cu me, (chillo nun ne capisce niente. Nun sape chello ca dice.)

Giacinto – Primm' 'e tutto, signora mia, spiegammoce buono nu poco, perché io tengo 'a capa quanto a nu pallone. Vuje site 'a mugliera 'e l'avvocato?

Bettina – 'A mugliera? 'a mugliera? (ride) Quanto mi fate ridere.

Giacinto – (E chesta è n'ata pazza, aggio capito!)

Bettina – Vuje che ne state vuttanno?

Cesarino – 'A mugliera, ah, ah!... (ride)

Giacinto – Ma signori miei, vuje che m'avite pigliato pe nu pupazzo?

Bettina – Ma vuje dicite cierti cose accussì curiose. Io pozzo essere 'a mugliera d' 'a figlia mia?

Cesarino – Il marito sò io e ve l'ho detto poco prima.

Giacinto – (O songo asciuto pazzo io o songo pazze lloro.) Ma stu cancaro d'avvocato v'è patre, v'è zio, v'è frate, che v'è?

Bettina – Ve l'aggio ditto, è figlia a me ed è mugliera a Cesarino.

Giacinto – Cioè, chesta signora che se chiamma Cesarina è mugliera all'avvocato.

Bettina – Vuje che pasticcio state facenno?

Giacinto – Vuje che mmalora state cumbinanno tutt'e duje?

Bettina – L'avvocato ca se chiamma Ninetta è mia figlia.

Giacinto – Cioè... cioè... è vostro figlio?

Bettina – Nonsignore, è mia figlia femmena.

Giacinto – Figlia femmena. E l'avvocato è femmena?

Bettina – Comme, nun' 'o sapiveve?

Giacinto – No, chesto 'o sento p' 'a primma vota. E quanno maje l'avvucate so state femmene?

Bettina – E pecché, hanna essere mascole pe forza?

Giacinto – Pecché da che è munno e munno l'avvucate hanno tenute sempe 'e cazune (e nun già a gunnella.) Mò è asciuta pure chesta novità.

Bettina – Embè, 'o progresso 'o pigliate pe niente? Pecché na povera femmena aveva sta sempe vicino 'o fucularo, a fà cazette? Adesso le donne si sono date alla scienza, all'arte, al commercio...

Giacinto – E già, po' jammo nuje a cucenà e a dà latte le criature.

Bettina – Non dico chesto. Ma 'a femmena steva troppo bassa, aveva saglì nu poco cchiù ncoppa.

Giacinto – E perciò vuje ve site venuto a mettere 'e casa ncoppa 'o suppigno. All'arma d' 'a scalinata.

Cesarino – E che nce traso chesto ccà mmiezo?... Ah! ah, ah!

Giacinto – Vuje v'avite stà zitto. Me siete antipatico, me tuccate 'o stommaco e non so perché.

Cesarino – E vuje site curioso assaje e me piacite.

Bettina – Veramente sto signore è curioso.

Giacinto – Ed io vi ringrazio del complimento.

Bettina – Ma se è lecito sapere, perché andate in cerca di Ninetta?

Giacinto – Ma stu cancaro 'e Ninetta è nomme o cognome?

Bettina – È nomme, Rocco è 'o cognome.

Giacinto – E chisto è stato l'equivoco, me credeva che era tutto 'o cuntrario, cioè che Ninetta fosse cognome.

Cesarino – Ah! mò capisco pecché faciveve tutte chelli smorfie quanno io ve parlavo 'e muglierema.

Giacinto – Vi ho pregato che v'avite sta zitto vuje pecché me tuccate 'o stommaco.

Bettina – Uh! quanto site aggraziato, ah, ah, ah. (ride)


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Comments


bottom of page