top of page

L'avvocato Ninetta (IV)



Scena IV

Rosina indi Ninetta e detti.


Rosina – Signó, sta saglienno 'a signorina. (via poi torna con Niny)

Bettina – Oh! bravo! Mò, mò 'a vedite, 'a cunuscite 'a vicino, e me sapite a dì si pò fà 'o paglietta.

Giacinto – Finalmente vedimmo stu portento 'e femmena. (Tengo na curiosità 'e vedé comm'è.)

Cesarino – Mò vedite se tutto chello che v'aggio ditto è overo.

Giacinto – Vi prego per la terza volta 'e nun parlà cu me.

Ninetta – (entra molto affacendata con moltissime carte sia manoscritte che a stampa. Veste con abito quasi maschile, porta le lenti, si dà un'aria grave ma non caricata) Dunque Rosina, dirai allo stampatore che venisse fra un'ora a pigliarsi le bozze che io debbo correggere e che per domani mattina presto voglio quì le due memorie stampate. Poi se viene quel tale che venne ieri per l'associazione della Croce Rossa tu lo farai subito passare perché ho bisogno assolutamente di parlargli. Mandate qualcuno in casa dell'avvocato Erbetta a dirgli che venisse in giornata perché gli debbo comunicare alcune cose urgenti. Oh! a proposito... fosse venuto l'usciere a portarmi quei due originali di atti intimati?

Rosina – Non è venuto nisciuno. (via)

Ninetta – Che bestia! Io gli avevo detto di mandarmi subito gli atti dopo averli intimati... già non si può fidare su questa classe di uscieri, (tutta gente cretina!) A tutto debbo pensare io... ho mio marito quì che non s'incarica di niente. Perché quando hai visto tardi non sei andato tu dall'usciere? Intanto io debbo inserire gli atti nelle produzioni e mi mancano. Come si fa? come si rimedia? E quella sentenza l'hai finita di copiare?

Cesarino – (mortificato) Nun l'aggio potuto fenì... pecché...

Ninetta – E già, al solito, appena io me ne esco tu smetti di lavorare, e chi sa cosa farai. Ci vuole la sferza per farvi andare avanti. Però stasera non uscirai se non avrai fatta la copia della sentenza.

Cesarino – Ma Ninè... vide che...

Ninetta – Non ci è ma che tenga, si deve disbrigare per stasera se no non si esce di casa, hai capito? E con me non si fanno molte parole, perché io tengo la testa piena di affari (va alla scrivania). Ah! ecco la gazzetta del Procuratore, vediamo se ha pubblicata la mia sentenza. (legge)

Bettina – (sarà rimasta in disparte con Giacinto) Avite visto che femmena?

Giacinto – Chella me pare nu cumannante 'e reggimento, ato che paglietta! Oh! signó quando credete che ce pozzo parlà?

Bettina – Mò l'avita fà sfugà nu poco, (chisto non è 'o mumento.) Vuje avite visto chella che tene ncapo?

Ninetta – Bestia, bestia, e bestia un'altra volta.

Bettina – L'avuto cu vuje?

Giacinto – No, l'avuto c' 'o marito.

Ninetta – Neanche una sentenza sanno scrivere. Ci hanno saltati tutti i considerandi, hanno pubblicato il dispositivo così secco secco. Mò me metto a tavolino e le voglio scrivere una lettera come si deve a questo direttore dei miei stivali. Gli voglio fa vedé chi è Ninetta Rocco. Ah! egli si crede 'e trattà con una donna? ha sbagliato rotondamente. (siede e scrive)

Bettina – Vuje state sentenno o nun state sentenno?

Giacinto – Signora mia, vuje me state affligenno. Sapite che ve dico, io mò me ne vaco si non ce pozzo parlà e bonanotte. Aggio perduto un'ora di tempo senza cumbinà niente, manco si avessa parlà cu nu ministro.

Bettina – Abbiate nu poco 'e pazienza. Avite visto chella comme sta affarata?

Giacinto – Ma io tengo pure gli affari miei e nun pozzo perdere tiempo.

Bettina – Aspettate nu momento, mò nc' 'o vaco a dicere io cu na bella maniera, si no chella se piglia collera e me dispiace 'e farla ncuità.

Giacinto – E ghiate priesto, vedite se potesse farme a grazia 'e sentirme.

Bettina – Ecco ccà... mò me lanzo a chello che ne vene vene.

Giacinto – Comme si s'avesse a menà a coppa 'a loggetta a mare.

Bettina – (accostandosi) Ninè... Ninè... figlia mia...

Ninetta – Mammà, nun è momento chìsto 'e venirme a seccà. Tu hai capito che se tratta di un affare molto grave. Già, voi altre femmene nun putite capì sti cose.

Giacinto – Comm'essa fosse mascolo!

Bettina – Io te voleva dì che stu signore sta aspettanno 'a tanto tiempo.

Ninetta – Aspetterà un altro poco, perché se non finisco questa lettera e correggo queste bozze non posso ascoltarlo.

Giacinto – E chesto è affare 'e doppo dimane.

Bettina – (torna a Giacinto) Io ve l'aveva ditto che s'aveva raffreddà nu poco, (è troppo priesto, capite, chella mò è arrivata.)

Giacinto – Ma che ce vulesse na dimanda in carta bollata pe parlà cu 'a figlia vosta? Signó io me ne vaco.

Bettina – No, aspettate. Sapite che vulite fa? Presentateve vuje stesso, chella a vuje nun ve pò dicere no, e accussì nce parlate. Ma si ve fa na cancariata nun ve pigliate collera pecché chella patisce cu 'e nierve, po' le passa e nu è niente cchiù.

Giacinto – Chi me l'ha ditto a me 'e passà stu guaio. A me che me ne preme, io vaco da n'ato paglietta e accussì fenesce 'a storia.

Bettina – Oh! non l'avite fà sta cattiva azione. Nun sarrà mai ditto che nu cliente esce 'a dinto 'a casa nosta senza avé tutta 'a suddisfazione soja.

Giacinto – No, bella suddisfazione. Io sto passanno tutte sti luotene e ancora aggia accomincià.

Bettina – Presentateve, presentateve. Alla fine che pò essere? Ve pò dà na mazzata ncapa?

Giacinto – E chesto nce mancarria.

Bettina – Io chesto dico, chesto nun pò essere, perciò putite azzardà.

Giacinto – Mò me lanzo pur'io a chello che ne vene vene.

Bettina – Bravo, accussì avita fà, coraggio... iammo.

Giacinto – (avanzandosi) Signora... io vi dovrei...

Ninetta – Imbecille!...

Giacinto – (ritirandosi) Avite ntiso? Nun è cosa... Quella m'insulta. (Ccà fernesce a mazzate 'o fatto.)

Bettina – No, chella nun l'ave cu buje, l'ha avuto cu chillo che le sta screvenno 'a lettera.

Giacinto – Ma nfaccia a me l'ha ditto.

Bettina – E po' pecché l'avite chiammata signora?

Giacinto – E comme l'aggia chiammà?

Bettina – L'avite chiammà signor avvocato si no nun ve risponne.

Giacinto – Vuje tutte sti cose l’avite scrivere ncopp' 'a nu manifesto e l'avit'azzeccà fora 'a porta, almeno uno ce penza primma e trasì ccà dinto.

Bettina – Và, lanzateve n'ata vota. Neh! che pò essere?

Giacinto – Uh! chesta 'e male parole 'e piglia pe niente. Signó quest'è l'ultima volta per farvi contenta e po' me ne vaco.

Bettina – Chiammatela signor avvocato dolce dolce.

Giacinto – Mò nce metto nu poco 'e zucchero pe ncoppa. (si avanza) Signor avvocato, signor avvocato. Sono venuto per darvi una preghiera ed è molto tempo che aspetto.

Ninetta – (con dolcezza) Scusi signore, quando scrivo questo indirizzo e sarò tutto a lei. (bussa il campanello)

Bettina – (piano a Giacinto) Comme ve pare? Ah! che dolcezza. Che belli parole!...

Giacinto – Pe mò nu ha ditto niente ancora.

Bettina – Sentite appriesso che l'esce 'a vocca. (Ninetta batte il timbro)


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Comments


bottom of page