top of page

L'avvocato Ninetta (XVIII)



Scena VII

Totonno indi Alberto, poi Totonno, poi Nicola e Amalia.


Totonno – Il maestro Mozzone. (via)

Francesco – Oh! finalmente.

Alberto – (tipo scilinguato) Scuserete se sono un poco in litaldo, ma non è stata mia la colpa. È stato un ragazzo che mi ha fatto lotolale per tella in mezzo alla stlada pelché pel scappale mi ha dato un ultone, tanto che sono stato costletto di litolnale a casa pel cambialmi pelché ela tutto inzacchelato, c'ela tanta pozzanchela pel tella che non si poteva camminale.

Giacinto – Senza lengua e va scegliendo tutte parole difficile.

Francesco – Quì tutti vi aspettavamo con impazienza.

Alberto – Plima di tutto lasciatemi fale gli auguli alla mia allieva. Signolina tanti e tanti augulii felici, con plospelità ed allegrezza.

Maria – Grazie, grazie. Maestro stammatina ho dato una altra passatina alla vostra romanza.

Alberto – E la cantevate bene, ne sono sicuro.

Francesco – E allora passiamo nel salone.

Giulio – Un momento.

Francesco – Che c'è cchiù robba?

Giulio – Quì si congiura.

Francesco – Pecché.

Giulio – Perché vogliamo la promessa di poter ballare.

Francesco – La sala è chella, 'o pianaforte sta llà, serviteve pure, basta che siete in numero.

Giulio – Ah! verrà, verrà altra gente, non dubitate.

Totonno – Il Consigliere Comm. Pellecchia e sua moglie. (via)

Giulio – Ecco che incomincia ad affollarsi la sala.

Nicola – (sarà afflitto dalla tosse) Oh! carissimo collega.

Francesco – Non mi aspettavo quest'onore anche dalla tua signora. Maria, vieni a baciare D.a Amalia. (si baciano)

Nicola – Che cara fan... fan... ciulla, vi faccio i miei auguri. Stu poco d'aria che ho preso per venire qua mi ha stizzita la tosse.

Amalia – Nicolì, riguardate sa', nun t'esporre all'aria che staje sudato.

Francesco – Mò 'o piazzo io a na parte senza corrente.

Amalia – Presidè ve lo raccomando perché nce vò cautela fino a che nun se ristabilisce.

Nicola – Questa... è na... cosa... passeggiera.

Giacinto – Se vede dalla grancascia.

Francesco – Me pare ch'è paricchio tiempo che tiene sta tosse.

Nicola – Sì, sono dodici annetti.

Giacinto – Me fa pure vezzeggiative.

Nicola – Quant'altro tempo pò durà. Se n'ha da j na vota.

Giacinto – E quanno uno è viecchio se ne va pur'isso appriesso.

Bettina – 'E cane dicenno. Nuje vulimmo sta buono pe fa schiattà 'a gente.

Francesco – Dunque signori, passiamo nella sala.

Giulio – Sì, sì, andiamo Cavalié, appoggiate le signore.

Francesco – Maestro, voi pure ci regalate qualche pezzo?

Alberto – Vi falò sentile na cosa di Scubel, ho portato l'alta roba. Siculo "La Cavallelia Lusticana", "Tosca", "L'ola è fuggita" e "Io muojo dispelata".

Giulio – Come hai detto?

Alberto – Scubel!

Giulio – Vuoi dire Scubert.

Alberto – Io così ho detto... Scubel. (entra indisposto)

Giulio – (appoggiando Maria) Signorina, siete un piccolo Angelo.

Maria – Me l'ha detto pure papà. (via)

Giacinto – (appoggiando Ninetta) Signor Avvocato, (offre il braccio) che ve ne pare 'e Gesummina?

Ninetta – Nun 'a putiveve trovà cchiù lazzera e suberba. (via)

Cesarino – (appoggiando Gelsomina) Gesummì, 'e visto muglierema?

Gelsomina – Quant'è brutta, tene 'a faccia 'e na cevettola. (via)

Matteo – (offre il braccio a Bettina) La signora mi onora?

Bettina – Oh! grazie, l'onore è mio.

Matteo – Mimì, Lallà, stateve sempre vicino a me.

Le due – Sì papà!

Bettina – Sò doje santarelle sti piccerelle voste. (via)

Francesco – (offre il braccio ad Amalia) Signó volete favorì?

Amalia – Presidè ve raccomando Nicolino, nun 'o fate piglià aria.

Francesco – Nicolì viene cu me, te piazzo a na parte senza viento.

Nicolino – Nun... te piglià... pena... io sto meglio assai. (tossisce forte)

Francesco – Se vede che stai meglio. (via)


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Comments


bottom of page