top of page

L'avvocato Ninetta (XVII)



Scena VI

Giulio e detti, poi Maria.


Giulio – Io entro senza farmi annunziare, sicuro d'essere accolto dal Commendatore sempre con la sua squisita gentilezza.

Francesco – Voi siete il padrone della mia casa.

Giulio – Servo sempre. Riverisco tutti questi signori che quasi tutti conosco. Uh! ccà sta Gelsomina c' 'o marito!

Francesco – Avvocà, ve ne siete venuto tutto infiorato?

Giulio – Sono pochi fiori che vorrei offrire alla signorina Maria.

Francesco – Sempre distinto ed elegante il nostro caro avvocato.

Giacinto – D. Erbè, quì ci sono i servitori vostri, non vi dimenticate di salutarli.

Francesco – Giacì, tu pecché all'avvocato 'o chiami D. Erbetta?

Giulio – Scambia sempre il mio cognome con il nome.

Giacinto – È un giovane che mi è simpatico assai e io gli voglio bene. Tu saje che io sò affezionato.

Giulio – Ma questo però non toglie che m'avita chiammà c' 'o nomme mio.

Giacinto – Sicuro, avite ragione, n'ata vota ce penzo. Scusate D. Erbè per questa volta.

Francesco – È inutile, se l'ha posto ncapo, e mò 'o faje capace.

Giacinto – M'è scappato pure mò e nun saccio comme. Ah! già, D. Giulio... scusate D. Erbè.

Giulio – Eh va buono!

Maria – Eccomi quà papà mio.

Tutti – Oh! tanti auguri felici.

Francesco – Comme sta bella. Guardatavella tutte quante.

Ninetta – Cara Maria, accogli le nostre sincere felicitazioni, ed anche un bacio dalla tua cara amica.

Francesco – Giacì, teh! guardatella, vide che t'aggio cacciato.

Giacinto – Bella, veramente bella! La possiamo vedere subito badessa.

Maria – No no... papà, nun me voglio fà monaca.

Francesco – Nun te piglià collera figlia mia, chillo è pazziariello... Chisto ccà è quel Giacinto di cui ti ho sempre parlato.

Maria – Ah! vuje site 'o Barone scemo?

Giacinto – Neh! io sono scemo?

Francesco – No, chella pazzea. E questa è sua moglie, il resto tu li conosci.

Gelsomina – D. Cì, e l'avita 'a dicere pure che sò la Baronessa di Crappa... cotta.

Francesco – Già, mi dimenticavo, baronessa di Capracotta. (augurii felicissimi)

Gelsomina – È na bella figliola, non pare maje figlia a vuje.

Francesco – E io ve ringrazio. Vuol dire che io sò brutto.

Giacinto – Ne ricesse una bona. No, chella vò dì che 'a piccerella è nera e tu si bianco.

Francesco – E se capisce, io me sò fatto viecchio, che bella notizia.

Giulio – Signorina Maria, permettete che in mezzo a questo coro di felicitazioni, io mi presenti a voi, apportatore di questi pochi fiori che son ben meschini di fronte a tanti altri che vi sono stati offerti.

Maria – Tutto ciò che viene da voi niente è meschino. Li accetto di cuore e vi ringrazio.

Francesco – Bene, bene... come ha detto bene. Neh! che portento, che grazia.

Matteo – Signorina, anch'io come collega e amico sincero di papà, vengo a presentarvi i miei augurii. Speriamo di vedervi presto in tribunale a difendere le cause come a D.a Ninetta quì presente.

Maria – No papà, io nun ce voglio andà ncopp' 'o tribunale... io me metto paura llà sopra...

Francesco – E vuje m' 'a facite fà a trezza d' 'e vierme a sta figlia mia. E comme ve vene 'ncapo?

Matteo – Mimì, Lallà, fate gli augurii alla vostra amica.

Giacinto – Mò incominciano n'ata vota 'e gioche.

Michelina – Marietta, accettate un bacio, e speriamo che l'anno venturo possiamo mangiarci i vostri confetti. (Laura ripete lo stesso)

Maria – Oh! grazie, grazie! Papà, quest'augurio mi piace.

Matteo – Mimì, Lallà... che cosa sono questi augurii? Chi vi ha insegnato di parlare così ad una ragazza?

Michelina – Papà, noi non sapevamo che cosa augurarle. E perciò abbiamo detto questo che le faceva piacere.

Matteo – Una cosa immorale! A casa mi sentirete. Vi farò stare tutta la notte in ginocchio.

Giacinto – Ma che stanno a scola!

Michelina e Laura – (piangono) Ih, ih!...

Francesco – Va bene collé, è cosa da niente. Stasera stiamo in festa, perché vogliamo disturbarci per una cosa da niente? Perdonatele per questa volta.

Matteo – Mimì, Lallà... papà vi perdona, baciate la mano al Presidente.

Michelina – Grazie papà... grazie Presidente.

Matteo – (piano a Francesco) Comme ve pare quest'educazione che le ho dato?

Francesco – (piano a Matteo) Finisce che ne facite doje mummie.

Giulio – Ma intanto perché non s'incomincia a fare qualche cosa, chi si aspetta?

Francesco – 'O maestro 'e musica D. Alberto Mozzone mi ha promesso che veniva e non è ancora venuto.

Giulio – Ah! D. Alberto? E nun ce penzate, chillo arriva comme 'o treno 'e Roma, sempre con due ore di ritardo.

Francesco – Anzi, Maria deve cantare 'na cosettina che l'ha scritto appositamente per lei.

Ninetta – Ah, brava, aggiungerà un'altra virtù alle tante che tiene.

Francesco – Vi ringrazio per mia figlia, siete voi gentile che credete così.

Ninetta – Questa è la verità, Maria è una ragazza bella e virtuosa.

Cesarino – (piano a Giulio) Ninetta se sta cumbinanno 'o Presidente per le cause presenti e future.

Giulio – (piano a Cesarino) E questo è il vantaggio di un avvocato femmena, vide si 'o putimmo fà nuje.

Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Comments


bottom of page