top of page

L'avvocato Ninetta (XIX)



Scena VIII

Totonno e invitati, indi Giulio e Cesarino.


Totonno – (seguito da invitati d'ambo i sessi passeggia con guantiera vuota) I signori possono favorire con me nel salone. Faccio io strada avanti. (entra con gl'invitati poi torna solo) Stasera ce sta folla 'o cunvento. Và, trova a che ora nce spicciammo... io credo che nun nc' 'a facimmo manco p' 'e quatte. Nun fa niente, abbasta ca se spassa 'a signurina. (via)

Giulio – Ccà fora possiamo parlare più liberamente. Che t'ha ditto chella?

Cesarino – Ha ditto che stasera vò arevotà 'a società.

Giulio – Ma ch'è pazza?

Cesarino – Chella è na lazzarona, è capace 'e fà chesto e ato.

Giulio – Ma pecché s'è ncuitata?

Cesarino – Ce vò poco a capirlo, embè, ha visto a muglierema e s'ha pigliato 'o diavolo.

Giulio – Ma comme, Gesummina nun sapeva ca ire nzurato?

Cesarino – E chi nc' 'o diceva, io certo che no.

Giulio – Ma io te l'aggio ditto tanta vote, nun te n'incaricà, nun te n'incaricà cchiù, nce pierde 'o tiempo. E po' è accussi triviale che te fa passà 'o gulio 'e dirle meza parola.

Cesarino – 'O capisco, ma sai, siccome avimmo fatto ammore primma, accussì nc'è rimasto nu poco 'e simpatia e nient'ato.

Giulio – Me ricordo chella sera che 'a vedetteme ncopp' 'a chella società a carate, che ce stevano tanta modistelle e sartulelle, essa allora era bona assaje, era fresca...

Cesarino – E adesso neanche è disprezzabile.

Giulio – Nce vulevamo mettere a fà ammore tutt'e duje, poi da buoni amici dividemmo la questione, menajeme 'e carte e dicettemo a chi vene 'o primmo asso chillo nce se mette a fà ammore.

Cesarino – E a me venette l'asso 'e denare. Là per là nce jette a fà la mia dichiarazione e nce facette ammore cchiù 'e n'anno e po' 'a lassaje pe Ninetta.

Giulio – E Gesummina nun te dicette niente?

Cesarino – No, io mi ecclisai perfettamente, nun me facette vedé cchiù. E che era scemo, io sapevo l'umore della bestia.

Giulio – E po' comme l' 'e vista n'ata vota?

Cesarino – Saranno 5 o 6 mesi fa, 'a vedette pe Toledo pomposamente vestita, essa m'avvistaje e me guardaje fitto fitto. Io nun sapeva che fà... finalmente cu na faccia tosta me ce avvicinaje e nce parlaje. Accussì sapette che s'aveva sposato nu signore ricco, nu piezzo 'e scemo. E po' ci ricordammo dei tempi passati...

Giulio – Io nel caso tuo avria cercato 'e scansarla.

Cesarino – Giù, me pare na criatura. Comme te pare io 'a scansava?

Giulio – Così dovevi fare se veramente volevi bene a tua moglie...

Cesarino – Io a Ninetta 'a voglio bene, ma chella fa l'avvocato, sta tutta occupata nelle carte, nei libri e a me nun me guarda manco nfaccia.

Giulio – Ncopp'a chesto hai ragione.

Cesarino – Ma nun ce perdimmo in chiacchere, cercammo 'e riparà 'o fatto 'e stasera, chella è capace 'e qualunque cosa...

Giulio – Mo nce parlo io e 'a persuado cu bella maniera.

Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Comments


bottom of page