top of page

L'avvocato Ninetta (XXI)



Scena X

Ninetta e detti, poi Cesarino e Gelsomina.


Ninetta – Commendatore vi faccio le mie congratulazioni. Maria ha fatto dei grandi progressi.

Francesco – Grazie D.ª Ninetta mia. Vuje nun putite sapé che contentezza sono queste parole per il cuore di un padre.

Ninetta – La società è tutta entusiasmata per quella cara fanciulla.

Francesco – È vero? Se sò entusiasmate? Permettete, vogl' j a darle nu bacio. Ti benedico figlia mia. (via)

Ninetta – Io nun pozzo arrivà a capì pecché Cesarino da stasera s'è posto appriesso 'a mugliera d' 'o Barone e nun 'a lassa cchiù. Chesta è na cosa nova, comme se pò parlà tanto cu na femmena che se vede p' 'a primma vota? E chella lazzera che è accussì suberba e nun parla cu nisciuno, comme parla nfucato cu isso. Quì gatta ci cova! Io songo paglietta, a me difficilmente 'a ponno fà. Ah! stanno venenno 'a chesta parte, mò nun me faccio vedé, voglio sentì che dicene. (si nasconde dietro una portiera)

Gelsomina – Uh! che cavere! Llà dinto se squaglia! Po' hanno zerrato pure 'o barcone pecché 'o viento faceva male a chillo viecchio che tene 'a tosse.

Cesarino – Siente Gesummì, persuadete e pe carità nun fà chiasso ccà ncoppa. Pienza che stammo in una società di galantuomini.

Gelsomina – Tu nun m'arrienne! Ah! tu te credive che io era scema che te deva confidenza? Meno male che nun t'aggio vuluto stà a sentere, tenive stu poco ncuorpo e te stive zitto.

Cesarino – E che teneva ncuorpo?

Gelsomina – E cu sta faccia tosta 'e sbruvignato, m'addimmanne pure?

Cesarino – Gesummì te prego 'e nun strillà tanto che ccà nce sentono.

Gelsomina – (comincia a parlare sottovoce poi incalza a poco a poco) Lassema sentere. Tu che me diciste quanno nce ncuntrajeme mmiezo Tuledo? Che tu m'avive lassato per fare un viaggio all'estero. E quanno t'addimmannaje, te si nzurato? tu comme me risponniste: Io maje mi nzorerò. È 'o vero?

Cesarino – Va bene, son cose che si dicono.

Gelsomina – E intanto tenive chillo contrabanno 'a casa. E quanno t'aviva piglià a una senza niente, pecché me lassaste a me puverella che teneva 'a passione cu ttico? Po' doppo te ne si venuto a fa 'o spantecato appriesso a me... a dicere: t'amo... t'adoro... Vattè... vattè... che mò overamente faccio fa 'e nummere ccà ncoppa.

Cesarino – Zitto per carità. Fà cunto comme nun ce fosseme maje conosciute e nun se ne parla cchiù.

Gelsomina – Comme, nun se ne parla cchiù. Tu primma primma m' 'e fatto 'o tradimento e mò dice nun se ne parla cchiù!

Cesarino – Ma se pò sapé che vuó fa? Ne vuó parlà? Nun ne vuó parlà?

Gelsomina – A mugliereta l'aggia tirà chilli quatte zirole che tene ncapo.

Cesarino – Ma pecché? Che t'ha fatto chella?

Gelsomina – Che m'ha fatto? Tu pe causione soja me lassaste. E si nun era pe chillo piezzo 'o scemo d' 'o Barone che me spusava, io restava mmiez' 'a na strada.

Cesarino – Embè, tu pure si mmaretata e stammo pace.

Gelsomina – Ma io l'avetta fà pe forza. Embè pe forza avarria perdere 'o nomme 'e Giesummina Garofano 'a stiratrice 'e Monte Calvario, si non te merco a te e a essa.

Cesarino – Va bene, tu sarai stata una stiratrice, ma mò si na signora e devi fare la signora. Ricordati che sei una baronessa.

Gelsomina – Seh! m' 'e fatto c' 'a vocca mò. Io saccio fà 'a signora e saccio parla pure 'o trosco... ma quanno me saglie 'o sango ncapo, io nun ce veco cchiù, e saccio manià pure 'o rasulo ammanecato... E pe l'arma 'e mammema t' 'o faccio nu mierco nfaccia.

Cesarino – Gesummì nun facimmo sti pazzie...

Gelsomina – Pe revula toja io nun pazzeo, e quanno aggio prummiso na cosa a uno, aggio mantenuta sempe 'a parola.

Cesarino – Chesta comme me vulesse purtà ncampagna.

Gelsomina – Seh, pazzea tu che a ghiuorne vedimmo 'e macchie.

Cesarino – Pe mò te prego d'avé prudenza, dimane nce vedimmo e parleremo 'e sti cose.

Gelsomina – Ma mugliereta nun s'ha da fà vedé 'a me, (si no me ne vaco 'e cape e chello che n'esce n'esce.)

Cesarino – Zitto che pò venì qualcheduno.

Gelsomina – E che me ne preme a me?


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Comments


bottom of page