top of page

L'avvocato Ninetta (XXIII)



Scena XII

Gelsomina e detti.


Gelsomina – (che avrà intese le ultime parole) Ah! Viecchio veziuso, te voglio dà io 'o palummo e 'a tortorella.

Giacinto – Muglierema! Aggio passato 'o guajo!

Gelsomina – Me faccio maraviglia 'e sta faccia tosta che se va acchiappanno 'e marite 'e ll'ate.

Ninetta – Ah! pettegola insolente! hai il coraggio di dirmi questo? E po', tu a me?

Gelsomina – Seh, t' 'o dico... pecché avisse che me risponnere?

Ninetta – Doppo tutte chello che io tengo ncuorpo e me sto zitta, vuoi aggiungere l'imprudenza 'e truvarte tu ccà ncoppa?

Gelsomina – No, io tengo ncuorpe quacche cosa d' 'o tujo e m'aggia levà na preta 'a dint' 'a scarpa.

Ninetta – Ah! te vuó levà na preta? Baró, vuje 'a sentite o no?

Giacinto – Che nce pozzo fà io c' 'a preta.

Gelsomina – Siente pagliè, quanno te ncoccio t'aggia scippà sti quatte zirole che tiene ncapo.

Ninetta – Ah! grandissima lazzarone, con chi ti credi di parlare?

Gelsomina – Comme, a me chiamme lazzarona?


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Comments


bottom of page