top of page

L'avvocato Ninetta (XXII)



Scena XI

Francesco e detti, indi Giacinto.


Francesco – Vuje state ccà fora?

Gelsomina – Simme asciute a piglià na vuccunata d'aria pecché llà dinto nce faceva nu cardo immezzo.

Francesco – Sì, ma andate subito pecché 'a piccerella vò abballà nu poco, (mò se sona nu valzer.)

Cesarino – (offre il braccio) Se la signora Baronessa vuol favorire.

Gelsomina – Razio! (T' 'o faccio nu sfreggio nfaccia.) (via)

Ninetta – (finge venire dal fondo) Oh! questo è troppo.

Francesco – Uh! e dove siete stata vuje!

Ninetta – Sono andata in cerca di un bicchiere d'acqua.

Francesco – Potevate dirlo a me, voglio avere il piacere di servirvi io stesso. (via poi torna con l'acqua)

Ninetta – Oh! infame! Oh! assassino! Ah! era na conoscenza antica ca teneva cu 'a stiratrice. Ben fatto si le fa nu sfreggio, n'avarria proprio gusto.

Francesco – (con bicchiere d'acqua) Eccovi servita sig.a Ninetta.

Ninetta – Oh! grazie, siete troppo buono.

Francesco – Voi non andate dentro a ballare adesso?

Ninetta – No, io non ballo. Tengo na controdanza che me passa p' 'a capa.

Francesco – Sì, ve veco nu poco accigliata, v'è successo qualche cosa?

Ninetta – No, non m'è successo niente, sono momenti di nervatura che vengono così senza sapé pecché, ma passeranno.

Francesco – Voi mi permettete, perché vado a disporre certe cose 'a parte 'e dinto.

Ninetta – Oh! vi pare... fate il vostro comodo.

Francesco – Che giornate sò cheste pe nu povero padrone 'e casa. Ma a me che me ne preme, basta che si diverte Maria! (Ti benedico figlia mia.) (via)

Ninetta – (passeggia agitata) Ah! mò me ricordo. Chella faccia nun me pareva nova. Sì, io l'aggio conosciuta quanno faceva 'a stiratrice e veneva a stirà a casa... Già... Gesummina... E chella lazzarona ha il coraggio di dire che me vò tirà 'e zirole 'a capa. Ave ragione che io sò na signora e nun me conviene 'e fà nu chiasso ccà ncoppa, si no chelli parole nc' 'e farria annuzzà nganna.

Giacinto – Io ve vaco pescanno da mezz'ora e nun v'aggio trovata. Io voglio sapé qualche cosa.

Ninetta – Ah! vulite sapé qualche cosa 'a me? (passeggia agitata)

Giacinto – E se capisce!

Ninetta – E che vulite sapé 'a me?

Giacinto – Voglio sapé si avite appurato qualche cosa 'e muglierema.

Ninetta – Ah! se ho appurato qualche cosa? ho appurato... Che fa? che fa adesso la signora Baronessa?

Giacinto – Sta vicino a 'o marito vuosto.

Ninetta – Ah! sta vicino a lui? E bravo!... e bravo!...

Giacinto – Stanno facenno nu ciù ciù da stasera. E io guardavo e redevo.

Ninetta – Ah! fanno nu ciù ciù da stasera? E voi ridevate? vuol dire che ne siete contento?

Giacinto – Contentone. Non potete immaginà 'o piacere che ne tengo.

Ninetta – Ah! siete contentone!... contentone!...

Giacinto – Avrà mangiato limone. Già, pecché aggio capito 'a mira vosta.

Ninetta – E quale mira?

Giacinto – Vuje nce l'avite posto chillo mamozio vicino pe le scavà qualche cosa a cuorpo.

Ninetta – Propriamente così... già... questo è stato lo scopo.

Giacinto – Vedite comme ce so ghiuto dint' 'o chiuovo. E diciteme quacche cosa 'e chello ch'avite saputo?

Ninetta – E mò vulite sapé troppo mò.

Giacinto – Ma songhe cose bone o cattive? Meh! dicitemmelle.

Ninetta – Baró, io nun pozzo parlà... Ma vi assicuro che se 'e cose vanno nnanze accussì, jammo buono vuje e io.

Giacinto – Io beva ne. Ma vuje che ce trasite ccà mmiezo?

Ninetta – Comme, io che ce traso... nce traso pecché sò l'avvocato vuosto, e comme avvocato aggià piglià 'e parte d' 'o cliente.

Giacinto – E già, avita piglià 'e parte mie.

Ninetta – N'avarria sfizio si 'a vedesse n'ata vota mmiez' 'a strada a fa 'a vajassa, accussì s'ammaccarria chella superbia.

Giacinto – È superbiosa.. ed è lazzera pure.

Ninetta – Ah! tu faje 'a signora pecché 'e truvato sto ciuccio che t'ha spusato? a stu piede 'e vruoccolo.

Giacinto – Embè: 'o ciuccio songh'io?

Ninetta – Uh! lasciateme sfugà ca tengo na palla ccà ncoppa. Io 'a vurria dint' 'e mane pe vedé si essa è femmena pe me... pe stu fusto ccà...

Giacinto – Avvocà, vuje pecché ve pigliate tanta collera?

Ninetta – Pecché me piglio tanta collera? Comme, chella ve tratta accussì malamente e io nun m'aggia piglià collera! Io si 'a putesse sparà cu l'uocchie 'a spararria.

Giacinto – E io n'ato avvocato comm' 'a chisto addó 'o trovo?

Ninetta – E voi... voi che cosa fate, ve ne state accussì?

Giacinto – E ch'aggia fà?

Ninetta – Dovete processarla, condannarla. Avrei dovuto essere io nei panni vostri, a quest'ora quella donnaccia l'avrei schiacciata sotto i miei piedi.

Giacinto – Ma nun saccio comme ve veco. Tenite l'uocchie stralunate.

Ninetta – Ma voi capite che chella femmena m'ha ferita quì (al cuore). Ed è una ferita così sanguinante che difficilmente si potrà rimarginare.

Giacinto – Ma io nun capisco chello che vulite dì.

Ninetta – Vuje nun capite. Baró... mò v' 'o dico... Sappiate che io... Sono gelosa di vostra moglie.

Giacinto – Gelosa d'essa? (Quanto te vuò jucà che l'avvocato se nnammurato 'e me?)

Ninetta – Sì... sì... gelosa, pecché m'’ha levato a chillo che io voglio bene overamente.

Giacinto – Avvocà non scherziamo... Avvocà voi me fate venì na cosa...

Ninetta – No... nun ve pigliate collera, io userò tutti i mezzi per strapparle l'uomo che amo e farlo ritornare dint’''e bracce meje.

Giacinto – E nun c'è cchiù dubbio, chesta vò bene a me. Sì, avvocato mio, eccomi ai piedi vostri... io pure ve vuleva bene e me steva zitto. Ma giacché vuje l'avite ditto, io nun l'aggio potuto cchiù tené nascosto.

Ninetta – Uh! Baró, che site pazzo?

Giacinto – Sì, sò pazzo d'amore pe te. Io lascerò quella donna e nce ne fuimmo tutt'e duje a Capracotta. Là ci ameremo come due colombi, due tortorelle... (esce Gelsomina in ascolto)

Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Comments


bottom of page