top of page

L'avvocato Ninetta (XXV)



Scena XIV

Tutti in scena.


Francesco – Signori miei, ch'è stato?

Giacinto – È muglierema, Ciccio mio, che m'ha fatto uno d' 'e soje.

Ninetta – È la famosa Baronessa che...

Giacinto – Gesummì, jammoncenne.

Gelsomina – (mette la mantella) Sì, sì, me ne vaco!... Ma 'a jurnata nun fernesca ccà... dimane nce vedimmo 'e facce noste.

Giacinto – (mette lo chemise) Addio Ciccio, vedi il tuo amico a che è ridotto. Compiangimi... compiangimi... (via trascinato da Gelsomina)

Francesco – Uh! povero Giacinto, ha passato chillo guajo.

Matteo – Ma almeno si può sapere che cosa è stato? Pecché strillava tanto chella femmina?

Ninetta – Quella donna ha preso gelosia del marito per me. (tutti ridono) Mentre poi... era io...

Cesarino – (piano) Ninè, pe carità statte zitto!

Ninetta – (piano) Ah! infame! A casa parlammo!

Francesco – Mentre poi... e appresso?

Ninetta – Niente... niente... è stata un'idea che s'è abbortita... Vogliamo stare allegri... vogliamo ridere... (con riso convulso. Si sente suonare un valzer). Ah! sì, anzi vogliamo ballare.

Giulio – (a Cesarino) Mò spezzo io 'o fatto! Cavalieri, valzer en place! (tutti pigliano le dame e vanno a ballare)

Ninetta – Sì, sì... ballammo... Ed il primo valzer lo farò con voi (a Francesco).

Francesco – Vuje state c' 'a pazzia, seh! avite scelto chisto ballerino.

Ninetta – No, Presidè... facimmo 'o valzer tutt'e duje. (lo piglia per forza e lo fa ballare)

Francesco – Stateve ché ghiammo nterra!

Tutti – Ah! ah! (ridono)


Cala la tela

Fine del secondo atto.


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Commentaires


bottom of page