top of page

L'avvocato Ninetta (XXVI)



Atto terzo

Scena come la precedente. I mobili saranno diversamente disposti come meglio si crederà per comodità della scena.

 

Scena I

Totonno indi Giacinto.


Totonno – (disponendo i mobili) Nun aggio potuto durmì manco doje ore, stanotte nce simme spicciate accussì tarde! 'O signore m'ha ditto, nun me scetà all'ora soleta pecché voglio durmì nu poco. Vide che te cumbinajene ajeresera chilli duje, 'o Barone e 'a Baronessa... meno male che se ne jettero, si no avarriano ntussecato tutta 'a società. Che specie 'e gente se vanno presentanno p' 'a case d' 'e signore. Dico io, quanno ve vulite appiccecà stateve 'e case voste, nun ghiate ncuitanno 'a gente. (forte suono di campanello) Na scampaniata a chest'ora... chi sarrà? Mò mò... e vì comme scampanea, ha da essere na cosa 'e pressa. (via poi ritorna con Giacinto) E che d'è? Vuje turnate n'ata vota?... E comme state vestito 'e chesta manera? (E nun ve ne mettite scuorno? Comme ve site arresecato d'ascì d' 'a casa?)

Giacinto – (con abito di casa e berretto da notte. Siede al divano) Ciccio che fa?

Totonno – E turnate n'ata vota cu Ciccio.

Giacinto – Uh! lasseme dì comme vogl'io. Io sono nu povero disgraziato... Vide comme so arredutto.

Totonno – 'O signore sta durmenno.

Giacinto – E nun se putarria scetà?

Totonno – No, pecché m'ha ditto che vò durmì fino a tarde.

Giacinto – E mò l'aspetto ccà assettato. Pozzo aspettà?

Totonno – Ma chillo va truvanno a che ora se sceta.

Giacinto – E nun fa niente. Tanto io a casa nun nce pozzo turnà, mò m'arreposo nu poco ccà ncoppa.

Totonno – Ve vulite stà, stateve, io nu nve pozzo caccià pecché site amico d' 'o padrone, ma non ve pozzo tené compagnia pecché aggio che fà.

Giacinto – Fà 'e fatte tuje, (fà cunto comme io nun ce stesse.) Si nzurato tu?

Totonno – E che nce trase st'addimmanna?

Giacinto – Te l'ho domandato chi sa tu me putive cumpatì nu poco.

Totonno – Nonzignore, so scuitato.

Giacinto – E nun te nzurà sa'! Nun fà l'ultima ciucciaria che l'ommo fa ncopp' 'o munno. Guarda il mio esempio.

Totonno – Ma pecché, avita attuppato na mugliera nu poco malamente?

Giacinto – Nu poco? Figlio mio, nun t' 'a puozze sunnà manco 'e notte.

Totonno – Io me n'addunaje ajeresera quanno facette tutte chilli strille ccà ncoppa, manco si fosse stata abbascio 'o Lavenaro.

Giacinto – E che d'è chello che facette ajersera? e 'a vede chello ch'à fatto stanotte! Che nuttata! N'ata notte 'e chesta me portano a Poggioreale.

Totonno – Signó cuntateme ch'à fatto.

Giacinto – Nun m'arricurdà. Io povero galantuomo a ridurmi a stà assettato mmiez' 'e grade. (piange) Doppo che l'aggio levata dalla miseria... e le faccio fa 'a signora... a me questo... (piange)

Totonno – Povero signore, nun ve pigliate collera. (Stu povero scemo me fa cumpassione.)

Giacinto – Sulamente Ciccio me pò aiutà, isso che sta ncopp' 'o tribunale, m'ha da fà 'o piacere, m'ha da levà chillo guajo 'a tuorno.

Totonno – E nun ce penzate pecché si 'o signore 'o pò fà, v' 'o fa cu tutto 'o core.

Giacinto – Te pare, Ciccio che non farebbe per me, stevamo al Seminario di Capracotta uniti. Abbiamo mangiato nello stesso piatto, dormito nello stesso letto.

Totonno – Basta signó, dateme 'o permesso, io vaco arrecettà 'a part' 'e dinto, si v'accorre cosa me chiamate. (via)

Giacinto – Ti ringrazio, te sò obbligato. Io me sto a stu pezzetiello cuieto cuieto e aspetto quanno se sceta Ciccio.

Totonno – Sperammo ca se sceta priesto e che nun aspettate tanto. (Vedite 'o munno comm'è fatto, io ajeresera nun 'o puteva vedé a chisto e mò l'aiutarria cu l'uocchie.) (via)

Giacinto – È nu bravo giovine stu servitore, ha ragione Ciccio che 'o vò bene. Intanto chillo è nu servitore ed è affezionato c' 'o padrone, e io tengo na mugliera che m'ha da maltrattà 'e chesta manera. Io dico accussì, si avesse pigliato nu cane 'a miez' 'a strada e l'avesse puttato a casa e data a magnà, pure te sarria stato affezionato, fedele, e chella ngrata lazzarona è al disotto 'e nu cane, 'e na gatta, 'e na scigna, 'e na pantera. Ma io l'aggia fernì, aggia dicere 'o paglietta che vuttasse 'e mane. Ma chi se puteva credere che l'avvocato s'innammorasse 'e me 'e chella manera. Me pareve na pazza, teneva l'uocchie 'a fora. Io le diceva: noi fuggiremo, noi saremo due colombi, due tortorelle... Eh! arrivaje chella turturella!... Mannaggia l'arma d' 'e mazzate ch'aggio avute... me sento ancora uno piezzo 'e dulore... Ma nun fa niente... l'aggio offerto... tutto a essa... perché essa... mi ama...


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

コメント


bottom of page