top of page

L'avvocato Ninetta (XXVII)



Scena II

Francesco e detti.


Francesco – Nun se pò durmì manco nu poco cuieto, stevo 'o meglio d' 'o suonno, quanno hanno fatto na scampaniata accussì forte che me sò scetato 'e soprassalto. Chi è ha scampaniata accussì forte?

Giacinto – Cì, perdoneme, sò state io.

Francesco – Tu? a chest'ora ccà?... e vestuto 'e chesta manera?

Giacinto – Ciccio mio, io sono il più infelice, il più disgraziato dei mortali. Se te raccontasse tutt'e guaje miei sono sicuro che te farrisse na picciata assieme cu me. Vogliamo piangere na mezz'ora tutt'e duje?

Francesco – Io nun ne tengo nisciuna volontà, si vuó piangere tu sulo si 'o patrone.

Giacinto – Neanche il sollievo delle lagrime è concesso agl'infelici.

Francesco – E tu chiagne, che vuó 'a me. Ma famme sapé che t'è succiesso? comme te truove ccà?

Giacinto – Devi sapere che dopo il chiasso di ieri sera, nuje nce simme ritirate a casa. Figurati comme steveme, parevamo duje cane arraggiate e abbiamo preso la via del letto.

Francesco – Bravo!

Giacinto – Nu me fosse mai cuccato, appena me sò puosto dint' 'o lietto, la signora Baronessa che teneva nascosto nu mazzariello sott' 'o cuscino, l'ha pigliato e m'ha conzignato cierte batoste...

Francesco – E tu naturalmente hai reagito?

Giacinto – Seh! reagito, chella manco 'e carabiniere 'a ponno tené.

Francesco – E dunque t' 'e tenuto 'e mazzate?

Giacinto – Me l'aggio avuto tené pe forza. Ma pe nun avé 'o riesto aggio afferrato sta vesta 'e cammera e sta coppola e me ne sò fuggito p' 'e grade.

Francesco – E essa t'ha secutato mmiez' 'e grade?

Giacinto – No, m'avesse secutato, sarriano corze gente e l'avarriano tenuta. Ma invece ch'à fatto? Ha chiusa 'a porta e m'ha rimasto mmiez' 'a scalinata na nuttata sana.

Francesco – E tu nun te ne sapive j a na lucanna?

Giacinto – E comme nce puteva j, io steva cumbinato 'e chesta manera, senza nu soldo dint' 'a sacca. E po' è stato meglio che me sò stato zitto, si no 'o guardaporta se n'addunava e aveva aprì 'o purtone apposta pe me. Perciò aggio sofferto fino a giorno e appena s'è apierto 'o purtone so curruto ccà.

Francesco – E 'e cammenato p' 'a strada 'e chesta manera? E t'hanno fatto cammenà cuieto?

Giacinto – T'ho pregato ca nun teneva manco nu centesimo.

Francesco – Nzomma te l' 'e fatto 'a pede 'a copp' 'o Corso fino a Foria. E 'a gente che t'à visto p' 'a strada và trova ch'ànno ditto.

Giacinto – Io a chiunque me guardava diceva: è nu voto, è nu voto. Ma s'è fatta na folla 'e guagliune appriesso che m'ha accompagnato fino abbascio 'o palazzo tujo. Mi guardavano con occhio di compassione, se credevano che jeva truvanno nu miedeco... na vammana...

Francesco – Vedite a che punto una donna riduce un uomo... cioè, un uomo mò...

Giacinto – Pecché io non songo ommo, che sò neutro?

Francesco – E si fosse stato ommo veramente dal principio, nun sarrisse arrivato a chisto punto.

Giacinto – Hai ragione, m'aggio fatto mettere 'a gonnella... e ben fatto... mi sta bene questo. Nc'ave colpa chella cancaro 'e donazione che le facette.

Francesco – Ma la ragione pecché ha fatto stu fracasso?

Giacinto – Perché?... perché è gelosa di me.

Francesco – Vattè, nun me fa tuccà 'o stommeco, chella era gelosa 'e te?

Giacinto – Tu nun me cride? Embè, io te pozzo assicurà che tutte le donne vanno a mpazzì pe me. Na femmena 'a seconda volta che m'ha visto esce pazza d'amore pe me. E m' 'o dicette essa stessa. Io debbo tenere certamente qualche cosa nel mio sguardo, nei miei occhi che le affascino, pecché si no comme se spiegherebbe st'ammore tutto assieme.

Francesco – (Uh! povero infelice, chisto è pazzo, nun pò essere diversamente.)

Giacinto – Che d'è, tu me guarde e nun parle?

Francesco – E che ti debbo dire, tu me dice cierti cose accussì curiose che faje ridere. Mò se n'è venuto col fascino, con lo sguardo.

Giacinto – Seh! tu ride? Tu mò avarriss' 'a farte na picciata.

Francesco – A forza me vuó fa chiagnere, te l'è miso ncapo.

Giacinto – Io ajersera t'avarria voluto vedé al mio posto, diviso fra la moglie e l'amante. L'amante che si strugge in lagrime ai miei piedi che se ne vò fuì cu me lontano da questo suolo, a vivere sotto una capanna comm' 'a doje tortorelle mentre poi la moglie, armata di tutti i suoi diritti coniugali, m'ha cumbinato chillo mazziatone.

Francesco – (Non c'è più dubbio, ha dato di volta al cervello!)

Giacinto – E guardeme n'ata vota? E ride n'ata vota?

Francesco – Giacì, figlio mio, leviamo sti scherzi, tu hai la mente un poco esaltata, tu hai bisogno di riposo, forse l'insonnia t'ha prodotto stu poco di perturbamento.

Giacinto – Ah! tu cride che io sto esaltato? Eppure se te dicesse chi è sta femmena, te mettarrisse 'e mane dint' 'e capille per la meraviglia.

Francesco – Và trova che scatolone ha da essere, ha da tené 'a coppa a cient'anne.

Giacinto – No, è giovene... è bona... è simpatica, tene tutto cu essa.

Francesco – Sultanto ha da essere cecata pe s'annammorà 'e te.

Giacinto – Ma che cecata... chella tene nu paro d'uocchie che sò doje stelle.

Francesco – Ma nzomma se pò sapé chi è?

Giacinto – Cì, io t' 'o dico, ma per quell'amicizia che t'ha legato quanno stevamo int' 'o Seminario, tu devi giurare che non dirai niente a nessuno.

Francesco – Che m'è pigliato pe 'na criatura. Io songo Presidente di Tribunale.

Giacinto – Ma giurammello sempe è buono.

Francesco – Quanno vuó accussì. Lo giuro!

Giacinto – Ebbene, sappi che la donna che s'è innamorata di me pazzamente, è l'avvocato Ninetta.

Francesco – Vattenne! Vattenne! Ma te l'aggio ditto che stai esaltato.

Giacinto – 'O vì ca no nun 'o cride?

Francesco – Ma comme te voglio credere, tu dici delle eresie. Quella è maritata, e tiene nu marito che le vuole bene, ed è giovine.

Giacinto – Cì, e io 'o paliatone pecché l'aggio avuto 'a muglierema?

Francesco – E chella mugliereta è na pazza, và trova che s'ha creduto.

Giacinto – E il nostro progetto è di fuggire a Capracotta a vivere comm'a duje culombi, duje turturelle, chesto manco 'o cride?

Francesco – Giacì... tu hai bisogno di calma, di riposo... Po' ne parlammo 'e stu fatto.

Giacinto – Ah! tu me piglie pe pazzo? Embè, io te dico che chella se vò dividere d' 'o marito pe se ne fuì cu me.

Francesco – Statte zitto. Sa' che vuó fà, và a metterte ncopp' 'o lietto mio, t'arrepuose nu poco, po' quanno te scite, faje nu poco 'e colezione, e a mente serena parleremo di questo fatto. Totonno, Totò?

Giacinto – Io faccio tutto chello che vuó tu, ma t'avviso che a casa mia nun ce vaco cchiù.

Francesco – Va bene, po' ne parlammo 'e chesto.


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Commentaires


bottom of page