top of page

L'avvocato Ninetta (XXVIII)



Scena III

Totonno e detti.


Totonno – Signó, avite chiammato? E comme, Vosta Eccellenza s'è scetato e nun ha sunato p'avé 'o cafè?

Francesco – Po' se ne parla d' 'o cafè, pe mò puorte a Giacinto dint' 'a camera mia e 'o faje cuccà nu poco, po' quanno se sceta le daje tutto chello che vò isso. (Povero amico, ha bisogno di riposo e di cura.) Và, và cu Totonno, fà il tuo comodo tuo. Cerca di calmarti coi nervi... e con la capa.

Giacinto – Grazie Ciccio mio, nelle disgrazie si conoscono gli amici.

Francesco – Và... Và... Totò tu accompagnalo e po' tuorne ccà. (Giacinto e Totonno via, poi ritorna solo Totonno) E chist'è pazzo veramente. Chisto è n'affare che nun pò ghì accussì, io me tengo nu pazzo int' 'a casa? Mò sa che faccio, scrivo nu biglietto 'a mugliera e 'a faccio venì ccà, cercherò alla meglio di conciarli. (scrive su di una carta da visita e poi legge) Il Comm. Lanterna, desidera parlare urgentemente alla sig.ª Baronessa di Capracotta per un affare di suo marito. L'attende a casa... Và trova si 'o capisce, me pare che nun sape leggere, basta nc' 'o faccio dicere pure a voce da Totonno.

Totonno – Eccome ccà, che vulite?

Francesco – S'è cuccato Giacinto?

Totonno – L'aggio accunciato 'o lietto, po' m'ha ditto vattenne e porteme nu vestito pe quanno me sceto. Ma signó, chillo è ghiuto a sfrenesià?

Francesco – Ah! te ne si addunato?

Totonno – Già, parlava isso sulo e diceva: Tutto a te ti offro le mie mazzate... e po' diceva, nuje volimmo sta aunito comm'a doje turturelle... nce cevammo tutt' 'e duje...

Francesco – È pazzo! è pazzo! Siente buono a me. Tu avarriss' 'a fà nu zumpo ncopp' 'o Corso, e avarrisse purtà stu biglietto 'a mugliera 'e Giacinto, sulo accussì nc' 'o putimmo levà 'a tuorno.

Totonno – 'A vulite fà venì ccà?

Francesco – L'aje indovinato. Sì, portala subito ccà. Pigliate na carruzzella e falla pure aspettà, basta che m' 'a puorte subito ccà.

Totonno – Nun ce penzate che io tanta chiacchiere le dico che 'a porto cu mmico ccà.

Francesco – Bravo, mò vedimmo se si ommo. 'A piccerella, chella gioja mia, che sta facenno?

Totonno – Dorme a suonno chino, chella manco pe 4 se sceta.

Francesco – E nun 'a disturbà. Nun le facimno sentì tutte sti storie. Dunque Totò, và subito e nun perdere tiempo.

Totonno – Facite cunto ca mò sto ccà. (via di fretta)

Francesco – Chi me cecaje 'e mannà Giacinto da D.ª Ninetta pe passà sti quatte guaje. Io nun pozzo proprio credere a chello ch'à ditto. D.ª Ninetta è na giovine seria, onesta... comme le puteva venì stu capriccio. L'avesse fatto pe pazzia. E po' essa pazzea e io nce vaco p' 'e forze!... E mò le prode 'a capa!


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Комментарии


bottom of page