top of page

L'avvocato Ninetta (V)



Scena V

Rosina e detti.


Ninetta – Fate imbucare questa lettera, ma presto perché è urgente.

Rosina – Va bene. (via)

Ninetta – Dunque signore, eccomi interamente ai suoi pregevoli comandi. Lei mi deve scusare se l'ho fatto attendere un pochino, ma gli affari innanzi tutto. Per me gli affari dei miei clienti sono parte di me stessa. S'accomodi. Prima servo il pubblico e poi mi dedico alla famiglia. Perciò non se l'avrà certamente a male se per poco l'ho trascurato. Da ciò dovrà arguire quanto interesse e zelo metterò nei suoi affari qualora avrò l'onore di essere il suo avvocato (si seggono tutti e tre). Dunque in che debbo servirla? in affare civile o penale? Per ora io mi son dato a tutti e due i rami, salvo poi, quando gli affari saranno aumentati, di dedicarmi soltanto al primo; sa, perché negli affari civili l'intelligenza può esplicarsi maggiormente nelle ardue quistioni di diritto... mentre nel penale vi sono quistioni molto elevate, e poi d'altra parte si ha fare per lo più con gente abbrutita nel vizio e quindi caduta nel delitto. Io già suppongo che il caso di cui ella vorrà parlarmi, non riguarda certamente un crimine, perché se così fosse le assicuro che a malincuore ne assumerei la difesa. Purtuttavia mi sacrificherei per strappare un innocente che potrebbe essere vittima di un errore giudiziario e che potrebbe finire i suoi giorni in un ergastolo. (in tutta questa scena Bettina, che sarà seduta vicino a Giacinto, farà controscena con lui)

Giacinto – Vuje che vittima, che ergastolo... che giustizia, n'ato poco me mannate ngalera. Quà non si tratta affatto di tutto questo. (a Bettina) E chesta ata che me sta zucanno 'a reto; me pare che 'a putite fernì. Si me lassate parlà vuje e mammà che me s'è appizzata comm'a na mignatta, allora nce putimmo capì, si no perdimmo tiempo io e vuje.

Ninetta – Parli... parli... io sono tutta intenta ad ascoltarla.

Giacinto – Ecco quì... non è propriamente pe na causa pecché sò venuto da voi... pe mò se tratta 'e nu semplice consiglio, ma se appriesso le cose seguitano accussì, 'a faccio 'a causa.

Ninetta – Benissimo! In tal caso voi farete l'attore?

Giacinto – Io mò chesto sto facenno.

Ninetta – Ah! già fate l'attore?

Giacinto – Uh! mò nce mbrugliammo n'ata vota ch' 'e lengue?

Ninetta – Basta, venite al fatto.

Giacinto – E 'o fatto nun 'o pozzo dì se nu ne mannate a mammà 'a vicino a me, e pure vostro marito che sta llà assettato.

Ninetta – Oh! è giusto. Vi sono delle cose che bisogna confidarle solamente all'avvocato, e specialmente poi quando questo sacro ministero è rappresentato da una donna che è il simbolo...

Giacinto – Signó, mò accuminciate 'a capo n'ata vota? Io aggio che fà.

Ninetta – Dunque mammà, potete ritirarvi, lasciatemi sola col signore, e tu Cesarì và un momento dall'usciere per farti dare quelle carte, nel mentre io debbo abboccarmi col signore.

Cesarino – Vuje ve vulite abbuccà con mia moglie? E abboccatevi, io nc'aggio sfizio. (via) (Oh anema.)

Giacinto – Che faccia 'e pepierno che tene.

Bettina – Signó voi mi permettete, io me ne traso dinto. Sentite i consigli 'e Ninetta che ve ne trovate proprio contentone.

Cesarino – Rosina, (Rosina esce) vieni con me. (e via)

Giacinto – Ah, se n'è ghiuta. Me pareva mill'anne.

Ninetta – Eccoci completamente soli, adesso potrà parlare francamente. Prima di ogni altro, con chi ho l'onore di parlare?

Giacinto – Comme, nun sapite 'o nomme mio?

Ninetta – Se ella non me lo ha ancora detto come vuole che lo sappia?

Giacinto – Eppure io me credevo che ve ll'avesse ditto. E che vulite, nella confusione nun nc'aggio penzato. Io me chiammo Giacinto Chiappo, Barone di Capracotta.

Ninetta – Capracotta. È un nome abbastanza curioso.

Giacinto – È il nome del mio paese. Io sono capracottese.

Ninetta – Me ne compiaccio tanto. Dunque di che si tratta?

Giacinto – Si tratta... Signora mia... che io sono ammogliato. Ah!...

Ninetta – E perché sospirate?

Giacinto – Sospiro... perché pe causa 'e stu matrimonio me trovo mmiez' 'e guaje. Il primo guaio è che mia moglie nun me vò bene pecché me spusaje pe forza.

Ninetta – Per forza? Voi siete un bell'uomo, non ancora vecchio, svelto, simpatico, dunque non ha fatto nessun sacrifizio.

Giacinto – Oh! mille. M'avite levato nu pisemo 'a copp' 'o stommaco. Era na cosa che io voleva sempe sapé, ma nun aveva 'o curaggio 'e dimandarlo a nisciuno.

Ninetta – Ed io vi ho parlato come la sentivo, e vi assicuro che se fossi stato nei panni di vostra moglie, vi avrei sposato con tutto il piacere.

Giacinto – Vuje site nu zucchero, nun site na femmena. (Eppure st'avvocato è proprio bona.) Però Gesummina mia moglie nun dice accussì. Dice ca io sò brutto e cafone, e primma 'e spusarme vulette 'a donazione 'e tutta 'a robba mia.

Ninetta – E voi scemo scemo ce la faceste.

Giacinto – E se capisce. Neh! comme se fa quanno uno tene na passione? Io pe spusarla avarria fatto qualunque cosa, me sarria jettato pure a mare. Essa me dicette, o me faje 'a dunazione, si no nun te sposo... e io avetta cedere pe forza.

Ninetta – E chella ve vedette d' 'a faccia, dicette mò m' 'o spenno stu pullastiello e ci riuscì.

Giacinto – E credo che accussì avett' 'a essere.

Ninetta – E dopo ch'è successo?

Giacinto – Quanno spusajemo, v'assicuro che i primi giorni del nostro matrimonio furono belle assaje. Ho passato na luna di miele incantevole, nce ne ietteme ncampagna tutt'e duje... sule, sule... io Giacinto, essa Gesummina... e llà sull'erba, passaveme certi momenti...

Ninetta – Eh! basta, basta Barone. Vi dimenticate che parlate con una donna.

Giacinto – E che volite, me n'ero andato di testa.

Ninetta – Dunque, veniamo al fatto.

Giacinto – Ecco quà. D.ª Ninetta mia...

Ninetta – Uh! comme è brutto sta D.ª Ninetta mia, è una cosa molto volgare.

Giacinto – Allora ve chiammo avvocatessa mia.

Ninetta – Peggio, peggio. Avvocatessa me dà l'idea di una abbadessa.

Giacinto – Ma vuje site femmena, vi spetta la finale in "essa".

Ninetta – Niente affatto. La laurea in giurisprudenza è una, perciò il titolo d'avvocato spetta tanto all'uomo che alla donna.

Giacinto – Dunque, comme v'aggia chiammà?

Ninetta – Avvocato, semplicemente, e nient'altro.

Giacinto – Avvocato mio, dovete sapere che D.ª Gesummina, mia moglie, dopo i primi mesi del nostro matrimonio me n'ha fatto vedere di tutti i colori.

Ninetta – Dopo i confetti si vedono i difetti.

Giacinto – E che difetti aggio visto io. Sò cominciati i capricci, i maltrattamenti, se n'esce, se ne trasa senza dirmi niente, comme si fosse l'ultimo servitore della casa, capite? A me!... doppo che l'aggio levata dalla miseria.

Ninetta – E voi non avete alzata la voce, nun vi siete fatto rispettà?

Giacinto – Se ho alzata la voce?... alzata la voce... Io na sera che essa era asciuta sola e se ritiraje tarde, alzaje tanto 'a voce che 'e strille se sentevene 'a copp' 'o Corso fino abbascio 'a Riviera.

Ninetta – E essa che fece?

Giacinto – Essa... capite... vedette che io nun pazziavo, rimase sbalordita là per là... ma poi me dicette: "Si strille n'ato poco te dongo na foca nganna e me n'esco n'ata vota".

Ninetta – Voi, allora, m'immagino che faceste.

Giacinto – Io, sentenno 'a foca nganna, me stette zitto, si no chella 'o faceva veramente.

Ninetta – Ma Baró, voi veramente siete nu piezzo e babbasone. Vuje che ommo site?

Giacinto – Ma io però da chella sera aggio cominciato a sospettare di lei... e perciò...

Ninetta – E perciò l'avete pedinata quando asceva pe vedé che cosa faceva.

Giacinto – No, chesto manco 'o puteva fà, pecché si chella me 'ncucciava mmiez' 'a strada facevamo nu poco d'opera tutte 'e duje.

Ninetta – Ma io ve l'aggio ditto che site nu papurchio.

Giacinto – Invece sapete che ho fatto? L'ho minacciata.

Ninetta – Di ucciderla forse?

Giacinto – No, di una separazione.

Ninetta – E essa?

Giacinto – Se n'ha fatto na resata.

Ninetta – E sicuro che aveva ridere, chella tene 'a donazione vosta.

Giacinto – E accussì ha ditto: Io tengo 'a dunazione toja. Io me levo nu guaio 'a tuorno e i denari restano a me.

Ninetta – 'O guaio, per esempio, siete voi!

Giacinto – E già, pe compenso 'e chello che l'aggio fatto me chiamma guaio. Ombre dei miei antenati capracottesi, vedite a che m'ha ridotto na femmena.

Ninetta – Insomma, io che debbo farvi?

Giacinto – Mò v' 'o dico. Non fidandomi più di soffrire, ieri sono andato da Ciccio Lanterna, mio amico intimo e pure paisano mio, e l'aggio pregato 'e truvarme n'avvocato, e isso m'ha mannato ccà. Io v'aggio ditto 'e che se tratta, vuje mò avita dì comm'aggia fà p'annullà sta dunazione, che io aggio fatto in un momento d'amore.

Ninetta – V' 'o putiveve fà passà stu momento d'amore.

Giacinto – È stata una follia di gioventù, lo capisco, tutti siamo soggetti all'amore. Pure i gatti vanno in amore.

Ninetta – Allora vuje comme fusseve stato nu gatto.

Giacinto – Avvocà, non scherziamo, ve ne prego. Trovate voi un rimedio.

Ninetta – Caro Barone, il codice civile parla chiaro. (piglia un libro) Non vi sono questioni da fare. Ecco qui, mò ve faccio sentì l'art. 1052 che è applicabile al caso vostro. (legge) Le donazioni fatte in riguardo ad un futuro matrimonio ecc... ecc... non possono essere impugnate per mancanza...


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

Comments


bottom of page