top of page

L'avvocato Ninetta (XXXIII)



Scena VIII

Totonno, Gelsomina e detti.


Totonno – Trasite, aspettate ccà dinto ca mò vene 'o Presidente. (via)

Gelsomina – Ah! nce stive tu ccà, perciò m'hanno fatto venì. Che m' 'e 'a dicere quacche cosa? Penza ca chella che nun te facette ajersera t' 'o pozzo fa stammatina. Che buó, lasseme sentere, pecché m' 'e fatto chiammà? Comme m'avisse fatto chiammà ncopp' 'a questura. E sì, mò nce mettevamo appaura d'essa.

Ninetta – Primma 'e tutto nun alluccà pecché staje ncopp' 'a casa 'e nu galantuomo e nun staje int' 'o vascio. Assettate e parlammo chiano chiano, e po' vide che io nun songo chella brutta figliola c' 'a faccia 'e civetta che tu te cride.

Gelsomina – Ma che m' 'e 'a dicere, lasseme sentere. (siede)

Ninetta – Tu ajeresera pigliaste nu sbaglio, io a maritete nun l'aggio mai ditto niente.

Gelsomina – Comme, chillo steve addunucchiato nnanz'a te.

Ninetta – E chillo fuje 'o sbaglio, pecché isso steva prianno e metterme pe miezo tra te e isso pe farve fà pace e pe nun farlo cchiù maltrattà. (Dicimmo accussì!)

Gelsomina – E 'o fatto d' 'e turturelle che steva dicenno?

Ninetta – Isso me diceva che se ne vuleva j 'o paese sujo cu te pe sta comm'a doje tortorelle... 'E visto, mò si rimasta 'e stucco... nun t' 'o credive che chillo te vò tanto bene.

Gelsomina – 'O saccio che me vò bene, ma ch'aggia fà, io me l'aggio spusato senza genio, pecché è nu viecchio, nun 'o pozzo parià.

Ninetta – Ma io saccio 'o pecché nun 'o può parià, pecché tu vuó bene a Cesarino maritemo.

Gelsomina – E tu comm' 'o saje, t'ha ditto isso chillo sbruvignato?

Ninetta – Io ajeresera me sentette tutto 'o discorzo che faciste tu e isso.

Gelsomina – E na vota che l' 'e ntiso nun t' 'o pozzo annià. Cu Cesarino nc'aggio fatto ammore n'anno e nc'aggio tenuto veramente 'a passione, e isso 'o nfame me lassaje pecché io era na femmenella. Ma chi nc' 'o diceva a isso 'e ngannà na povera figlia 'e mamma.

Ninetta – Tu haje ragione, ciente canne 'e ragione. Ma tutte l'uommene sò nfame e traditore, e isso peggio 'e ll'ate. Ma io che nce pozzo fà ca t' 'a piglie cu me? Io che ne sapeva d' 'e fatte 'e mariteme quanno m' 'o spusaje?

Gelsomina – Mò che me sò maritata isso m'è venuto appriesso, ma cu me nun ha cacciato e nun ne cacciarrà niente.

Ninetta – Ma tu si na bona femmena e 'o Signore, si t'ha chiusa na porta, t'ha apierto nu portone. Chillo nun teneva niente e tu 'e truvato 'o Barone che è ricco, te vò bene, te fa fà 'a signora.

Gelsomina – Sì, ma che n'aggia fà, chillo è viecchio...

Ninetta – Sì, ma chillo t'ha donato tutt' 'a robba soja. E tu mò pe ringraziamento 'o maltratte, 'o vatte, 'o faje durmì mmiez' 'e grade... Tu saje che si chillo te facesse querela tu restarrisse n'ata vota mmiez' 'a strada?... Ma chillo nun t' 'a fa pecché te vò bene e te stima sempe comm' 'a mugliera soja.

Gelsomina – Che saccio, tu cu sti belli parole me staje facenno capace.

Ninetta – Gesummì, siente a me, tu si na bona figliola e tiene nu bello core. Nun penzà cchiù 'o passato. Tanno ire na figliola, mò si na femmena 'e munno e tiene a maritete che te vò bene, miette nu poco capa, e cu nu poco 'e maniera, chillo è na pasta 'e mele, ne faje chello che vuó tu.

Gelsomina – Tu parle 'e sta manera pecché t'è spusato a Cesarino e si felice...

Ninetta – No, io cu Cesarino doppo 'e fatte ch'aggio saputo, me nce voglio spartere, nun 'o voglio vedé cchiù...

Gelsomina – E pecché? Pe causa mia, te vuó spartere... Chesto nun nc'ha da essere. Tu si na bona figliola e io te voglio stà a sentì e se io faccio pace co mariteme tu pure m' 'e prumettere...

Ninetta – Ah! 'o vì che vuó fà pace cu mariteto... ma sta pace ha da durà sempe.

Gelsomina – Basta ca isso me perdona chello ch'aggio fatto.

Ninetta – Pe chesto me n'incarico io e spero di riuscire. Zitto, sento che s'arape chella porta, sarrà isso.

Gelsomina – Comme, sta ccà?

Ninetta – Se n'è fujo dall'amico sujo il Presidente.

Gelsomina – Uh! nun me voglio fa vedé.

Ninetta – No, anze è chisto 'o mumento. Assettate a chella seggia e miettete 'o fazzoletto nnanz'a l'uocchie, fà a vedé che chiagne, accussì nun te conosce a prima vista... 'O riesto lassa fà a me.

Gelsomina – Mò 'o vedimmo che saje fà. (siede e si appoggia ponendosi il fazzoletto innanzi agli occhi)


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

コメント


bottom of page