top of page

L'avvocato Ninetta (XXXV)



Scena X

Francesco, Bettina, Cesarino e detti.


Francesco – Evviva veramente D.ª Ninetta. Io vi proclamo il primo avvocato del foro Napoletano.

Bettina – Chella figlia mia, dicite 'a verità, è 'a primma pagliettessa?

Ninetta – Chesta è 'a prima causa che ho discussa e l'aggio vinta.

Giacinto – E chillo mamozio che fa sott' 'a porta? Pecché sta accussì scurnuso?

Ninetta – Chillo llà? No, chillo ha da fà 'e cunte cu me.

Gelsomina – Embè Ninè, tu m' 'e prummiso che se io faceva pace cu Giacinto, tu facive pace cu maritete, e mo manche 'a promessa?

Ninetta – Sì, haje ragione, ogni promessa è debito. Viene avanti, inginocchiati e baciami la mano.

Cesarino – Sì, te la bacio e mi proclamo il primo stupido della terra.

Giacinto – Proprio.

Cesarino – (Vì chi parla.)

Ninetta – Io ti perdono per causa di Gelsomina. Il passato è morto... tu mi capisci!...


Francesco Gabriello Starace

 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

コメント


bottom of page