top of page

L'avvocato Ninetta (XXXIV)



Scena IX

Totonno e detti.


Giacinto – (vestito con gli abiti di Francesco, viene innanzi senza vedere le altre) Nun aggio pututo chiudere uocchie nu poco, penzanno all'avvocato, e nu poco pecché sto chino 'e dulure!

Ninetta – (s'avvicina) Baró io sto ccà, m'avita dicere niente?

Giacinto – Uh! e da dó site asciute, io adesso a voi stavo penzanno.

Ninetta – E pecché?

Giacinto – Riflettevo al fatto di ieri sera.

Ninetta – Quale fatto, chillo d' 'e turturelle?

Giacinto – Già, quello! Io vi amo sempre!

Ninetta – Vuje pigliasteve nu rancefellone. Chi mai v'ha detto niente. Che site pazzo? L'avite ditto a tutte quante, n'ato poco me faciveve compromettere con mio marito.

Giacinto – E che ve ne preme 'e chillo mamozio?

Ninetta – Comme che me ne preme, io sono una donna onesta e vi prego di non parlare più di queste cose. Anzi voglio farvi una sorpresa, vutateve e vedite chi sta dietro di voi.

Giacinto – Che veco! muglierema! Se sò ammaturate l'ati cotogne! E pecché sta chiagnenno! l'avite vattuta?

Ninetta – Piange la poverina perché è pentita di quello che ha fatto.

Giacinto – Fa comm' 'o cuccudrillo, prima m'ha fatto chillo paliatone e mò chiagne.

Ninetta – Voi pigliate l'occasione pe farle na parte. Non vi lasciate intenerire dalle lagrime, pigliatevi la rivincita.

Giacinto – E comme m'aggia regulà?

Ninetta – Incominciate a passeggiare, fate sentire che state quà e vedite essa che dice.

Giacinto – Seh, me piace... D.ª Ninetta, sapite si ncuollo tene 'o rasulo, 'o staccariello.

Ninetta – No, nun tene niente.

Giacinto – Tenesse 'o staccariello?

Ninetta – V'ho pregato, non tene niente.

Giacinto – (incomincia a passeggiare e tossire) E chisto 'o cazone me va pe sotto 'e piede a me fa cadé. Mò m' 'o scorcio accussì fenesce 'a storia.

Gelsomina – (togliendosi il fazzoletto) Oh! Giacinto mio, staje ccà?

Giacinto – (dopo segni di Ninetta) Signora, fra di noi non c’è niente di comune, tutto è rotto.

Gelsomina – Ma pecché, bello mio, staje in collera cu me?

Giacinto – Uh! chella m'ha dato chelli palate! Signora, dopo il fatto di stanotte dovreste vergognarvi di comparirmi innanzi. Vergogna!... Vergogna!

Ninetta – (piano a Giacinto) Bravo, non vi credevo capace di questo.

Giacinto – Eh, io sò terribile!

Gelsomina – Maretiello mio caro, che te si pigliate collera 'e chella pazzia che aggio fatto stanotte?

Giacinto – (All'arma d' 'a pazzia, io stongo una mulignana.) E me lo chiamate scherzo? Mi avete cunzignate quelle bastonate, mi avete fatto rociolare dal letto comme na pallapilottola e m'avite fatto dormire mmiez' 'e grade comm'a na gatta marzajola. E me lo chiamate scherzo questo?

Gelsomina – Agge pacienza, io te lo prometto che nun 'o faccio cchiù.

Giacinto – E chesto nce mancarria, io n'ata vota jarria 'o camposanto.

Gelsomina – E po' io l'aggio fatto p' 'o bene che te voglio, pecché io sò gelosa, e tu 'o saje che la gelosia è figlia d'ammore. Perdoname Giacinto mio e te lo giuro che te vulerraggio sempe bene.

Ninetta – (piano a Giacinto) Baró non cedete.

Giacinto – No, no, Baronessa, fra di noi tutto è finito, ed io me ne andrò solo al mio paese a stare fra le mie capre e i miei porci. I porci mi vorranno bene più di voi.

Gelsomina – Te ne vaje sulo? Oh! chesto nun sarrà maje, io songo 'a muglierella toja e tu me purtarraje appriesso comm'a na cacciutella. Giacì puorteme cu ttico, io voglio venì cu ttico.

Ninetta – (piano a Giacinto) Non cedete ancora, è troppo presto.

Giacinto – (quasi per cedere) È inutile che mi fate delle moine perché io sarò tuosto comm'a na vreccia. Accussì n'ata vota ve mparate a rispettare vostro marito. (E ccà 'o cazone me sta scennenno.)

Gelsomina – Tu partarraje sulo e io ne murarraggio d' 'o dulore. Sì, tu haje ragione, io sò stata ngrata cu te, ma me ne pento e nun ne parlammo cchiù. Da oggi nnanze io cagnarraggio vita, e io sarraggio na mugliera affezionata, e tu 'o maritiello mio bello bello!...

Ninetta – (piano a Giacinto) Non cedete.

Gelsomina – Viene ccà, damme n'abbraccio, nu vaso, facimmo pace. Teh! t' 'o voglio dà cu tutto 'o core.

Ninetta – (piano a Giacinto) Baró fermo, non cedete.

Giacinto – E che fermo e fermo. Aggia cedere pe forza. Mugliera mia, te dongo n'abbraccio e nu vaso pur'io e mi auguro che mò mazzate nun ne darraje cchiù.

Gelsomina – Mai più.

Ninetta – Bravo! io a stu punto ve vuleva purtà e ce sò riuscita.


Francesco Gabriello Starace




 

Fonte: F. G. Starace, L'avvocato Ninetta, Gennarelli, Napoli 1921.

13 visualizzazioni
bottom of page