• Letteratura Capracottese

Buon inno e buon anno


La maitunata (foto: P. Giaccio).

Ne' paesi di montagna la vita interiore non è tanto complicata, né il sentimento prende la mano al buon senso. Le gravi quistioni economiche, i sistemi filosofici, le varie scuole letterarie non guastano il sangue, non tolgono l'appetito. Così, quando l'anno agonizza, non si rimpiange o maledice il tempo passato, ma si pensa a godere le ultime ore dell'anno fuggente ed a salutare festante il nuovo per augurarselo propizio. E si va per le vie, ne' cortili, a gruppi, soli, con chitarre e spiedi, a dare agli amici il saluto augurale ed a ricevere il dono che la tradizione non permette di rifiutare.

– Buon'inne e buon'anne, è menute cape-d'anne, è menute l'anne nuóve, Die te guoàrde vacche e vuóve. 'Ncicce e 'ncicce, dàmme nu pòche de salsiccia, nen me ne dà tanta pòche, ca ze struie pe ru fòche, ma na cosa iustamènte, sant'Antuóne ze cuntènta, ca se la casa pèrze à l'use, l'anne che vè pòzza sta chiusa.


Oreste Conti

Fonte: O. Conti, Letteratura popolare capracottese, Pierro, Napoli 1911.

© 2015-2020 Letteratura Capracottese di Francesco Mendozzi

Via San Sebastiano, 6 - 86082 Capracotta (IS)

*** Contattami ***