• Letteratura Capracottese

Chia fu ru proime?


Cristoforo Colombo in una vignetta di Aronne Colagrossi.

Quande Crestofere Culombe iètte

all'Amèrca, nu iurne, pe sapaie

che succedéva attorne, se facètte

na passeiata. Iètte pe vedaie,


stavan du carvunièare cuteiènne

che nu vlanciaune a pesà carviune

e ru marche iva ncima currènne.

Crestofere s'avvecenétte a iüne


e addumannètte: – Chi ve ci 'ha purtèate

éck, ru deièvre? – Chir' i 'arrespunniéarne:

– Nu séme de Capracotta; éme passate;

passame sèmpre; iéme pur' a ru mpiéarne.


Culombe, puveriéalle, n'armanètte.

Se strequeleiétte l'uoacchie; nen sapaiva

se stav' all'èrta o durmoiva. Decètte:

– Ne me pozze fa capèace; credaiva


ca prima d' mé nen c'eva state cuviéalle;

com'éte fatt'a menì vurria sapaie.

Se ci 'arpènze m' se volta ru cerviéalle.

Doppe na nzégn' ardecette: – All' barch' maie


éte mnut' annascuoaste certaménte.

Chire na bèlla reséate se faciéarne;

redénnie mpaccia ie tenérne mènte

e deciéarne: – Ma fusce Patrétèrne!


Pozze sta buoane Crestofre! Arrevèmme

eck vint'ènne fea che nu barchéune

credénne d'ésse re proime... Po' vedèmme

ca stavan già re callariéare d'Agnéune.


Giuseppe Delli Quadri

Chi fu il primo?

Quando Cristoforo Colombo andò in America, un giorno, per sapere cosa avveniva intorno a lui, fece una passeggiata. Poté così vedere due carbonai che si davano da fare con un bilancione a pesare carboni e il romano saliva su velocemente. Cristoforo si avvicinò ad uno e domandò: – Chi vi ci ha portato qui, il diavolo? – Quelli gli risposero: – Noi siamo di Capracotta; siamo passati; passiamo sempre; andiamo pure all'inferno. – Colombo, poveretto, rimase di stucco. Si stropicciò gli occhi; non sapeva se fosse sveglio o dormisse. Disse: – Non posso capacitarmi; credevo che prima di me non ci fosse venuto nessuno; vorrei sapere come avete fatto a venire. Se ci ripenso mi dà di volta il cervello. – Dopo un po' riprese: – Nelle mie barche siete venuti nascosti certamente. – Quelli fecero una bella risata; ridendogli sulla faccia lo guardarono e dissero: – Ma non sei tu il Padreterno! Possa tu stare bene! Arrivammo qui venti anni fa con un barcone credendo d'essere i primi... Poi vedemmo che c'erano già i ramai di Agnone.


(trad. di Emilio Ambrogio Paterno)

Fonte: E. A. Paterno, Prima antologia di poeti dialettali molisani, Arte della Stampa, Pescara 1967.

#agnone #capracotta #dialetto #emigrati #emilioambrogiopaterno #giuseppedelliquadri

© 2015-2020 Letteratura Capracottese di Francesco Mendozzi

Via San Sebastiano, 6 - 86082 Capracotta (IS)

*** Contattami ***