top of page

Panorama di Capracotta dal cimitero (foto: F. Mendozzi).

Il mio è un paese montano

ove l'aquila sovrasta regina

e le nevi riempiono le strade

mentre la viola sboccia al primo

tepore timido del sole:

soffia pauroso il vento selvaggio

quando l'autunno impregna

i monti di nebbie e le vallate.

 

Là... è la mia patria,

tra quel verde intenso dei prati

s'inerpicano sovrani i miei ricordi

ove rocce, tufi e pietre assolate

riscaldano i tetti infreddoliti dall'inverno.

 

Anche il cimitero rimane pietoso,

sincero compagno di morte:

mai solitario per misericordia costante

che depone fiori alle tombe

sempre terse e pulite!

 

Non sono venuto dall'acqua e

l'azzurro del mare

mai mi è stato amico

sicché la mia vita ormai stanca

chiede pace nel fresco dei monti

né vuole che il corpo riposi

sul fluttuare dell'onda.


Ugo D'Onofrio

Kommentare


bottom of page