top of page

Estate in Molise


Capracotta dalle sue piste di sci alpino (foto: A. Mendozzi).

L'estate è finalmente iniziata e dopo mesi di fermo e ore passate in casa per la paura del contagio da coronavirus, è giunto il momento vivere le bellezze dell'Italia e di trascorrere giornate piacevoli all'aria aperta. L'attenzione e il distanziamento sociale restano necessari e, per questo, è consigliata una trasferta in luoghi ancora inesplorati e di bellezza incontaminata. Il consiglio? Quello di cambiare meta ed evitare le solite località blasonate turistiche e concedersi periodi alla riscoperta di regioni come il Molise, piccole ma con un grande potenziale.

Perché andare in Molise in estate? Beh, le ragioni sono davvero tante ed è difficile elencarle tutte ma una cosa è certa, appena arrivati in questa regione non la dimenticherete più. Tra la calma, le lunghe distese di prati e i numerosi chalet e agriturismi e i parchi naturali, c'è davvero l'imbarazzo della scelta su cosa visitare. Se amate le montagne, le escursioni e il verde, allora l'Appennino ben si presta per ferie tra amici, in famiglia, per coppie, giovani e anche meno giovani. L'Appennino molisano è composto da tre importanti formazioni, le Mainarde, il Matese e l'Alto Molise. Le principali località da visitare per gli amanti del trekking, sono Campitello Matese, situato sul Monte Miletto, e Capracotta. Due luoghi adatti sia per l'inverno che per l'estate.

Campitello Matese è un massiccio montuoso dell'Appennino Sannita. I suoi monti donano una vista senza precedenti, un toccasana per la mente e per il corpo. Il luogo è adatto per fare tante attività come escursioni, passeggiate ad alta quota, a cavallo, giri in mountain bike, pic-nic tra i prati e cene sotto le stelle. Ai piedi della montagna si trovano inoltre ristorantini caratteristici, baite e hotel capaci di regalare esperienze indimenticabili come spa e momenti di puro relax.

Per gli inguaribili amanti del turismo culturale e naturalistico in estate sono tante, le aree protette da visitare, come il Parco Nazionale d'Abruzzo, Lazio e Molise e le oasi del WWF di Monte Mutria, Guardiaregia-Campochiaro e della Lipu di Casacalenda.

L'oasi di Guardiaregia-Campochiaro è di circa 3.135 ettari ed è uno dei parchi più grandi e selvaggi in gestione al WWF. Il posto, regala la vista della cascata di San Nicola, le grotte di Pozzo della Neve e Cul di Bove, fra i più profondi abissi d'Europa. In estate, inoltre, i gestori del parco organizzano eventi e visite guidate per scoprire piante e specie di animali protette.

Il Molise offre anche paesini caratteristici e centri storici da ammirare a qualsiasi ora del giorno e della notte. Guardiaregia ad esempio, di notte appare quasi magica. Sembra di essere immersi in un presepe in miniatura e di far parte dell’intera scena. In luoghi come questi potrete passeggiare, gustare la cucina tipica e godere di un cielo azzurro e limpido.

Un viaggio in Molise viene consigliato anche agli amanti della buona cucina. L'attività culinaria è rinomata non solo in tutta la penisola ma anche Europa e non solo. Solamente in Molise potrete assaggiare prodotti tipici come formaggi di capra, pregiato caciocavallo, pecorino, burrata, mozzarella e salumi profumati. Il tartufo però è il re di queste zone e la pasta, soprattutto quella fatta in casa e le pietanze cotte alla brace, ben si sposano con il prezioso tubero presente nei boschi, da quello bianco in estate a quello nero in inverno. In Molise si produce anche un ottimo vino rosso, la Tintilia, una miscela di gusto e corpo. I taglieri misti e i primi piatti vi faranno rivivere le sensazioni genuine che solo le nonne sono ancora capaci di ricreare. Insomma, se ancora avevate qualche dubbio su cosa fare e dove andare, il consiglio è quello di preparare al più presto le valigie e venire a fare un salto nella piccola, meravigliosa regione del centro sud Italia!


S. D. S.

 

Fonte: https://www.italiani.it/, 17 luglio 2020.

77 visualizzazioni
bottom of page